Home Casi Alex Zanardi, la testimonianza di un ciclista: “Stava filmando col cellulare”

Alex Zanardi, la testimonianza di un ciclista: “Stava filmando col cellulare”

CONDIVIDI

Un supertestimone, che ha assistito in diretta all’incidente di Alex Zanardi, ha raccontato gli attimi prima del drammatico schianto.

alex zanardi

Stando alla sua testimonianza, pare che il campione paralimpico stesse filmando con il telefonino, quando è avvenuto l’impatto con il camion. L’ultimo bollettino medico parla di possibili danni alla vista per Alex Zanardi.

L’incidente

Sono ormai trascorsi due giorni da quando Alex Zanardi, campione paralimpico, ha avuto un terribile incidente, durante un allenamento in handbike.

L’atleta stava partecipando alla tappa della staffetta Obiettivo tricolore, della quale è lui stesso fondatore.

Lo scorso venerdì pomeriggio, il campione stava gareggiando sulla statale 146, tra Pienza e San Quirico d’Orcia, quando, con la sua handbike, ha impattato contro un camion, che sopraggiungeva nella direzione opposta.

L’elissoccorso lo ha trasferito d’urgenza all’ospedale Santa Maria delle Scotte di Siena. Nella serata di ieri Zanardi ha subito un delicato intervento chirurgico e maxillo-facciale.

L’ultimo bollettino medico rilasciato nella serata di sabato parla di possibili danni alla vista.

“​Ci possono essere lesioni alla vista, abbiamo chiesto consulenza ad hoc. E a livello neurologico  il quadro al momento è così compromesso a livello facciale che dobbiamo attendere il momento in cui potremo sospendere la sedazione. Ma non se ne parla prima della prossima settimana.”

La supertestimonianza

Stando a quanto riferisce Il Messaggero, un ciclista che gareggiava accanto al campione avrebbe raccontato che Alex Zanardi stava filmando la discesa con il suo cellulare, quando è avvenuto l’impatto con il camion.

Parole che sarebbero al vaglio degli inquirenti e che troverebbero conferma in un video girato da un operatore freelance, appassionato di corse e che stava seguendo il campione e l’altro ciclista.

Una testimonianza, che se suffragata, scagionerebbe del tutto il camionista, già iscritto nel registro degli indagati.