Home News Alex Zanardi, oggi il terzo intervento: le sue condizioni di salute

Alex Zanardi, oggi il terzo intervento: le sue condizioni di salute

CONDIVIDI

Alex Zanardi è stato sottoposto oggi ad un terzo intervento. Benché le sue condizioni fisiche restano stabili, dal punto di vista neurologico sono molto gravi.

Alex Zanardi

L’operazione a cui è stato sottoposto Alex Zanardi è durata 5 ore.

Nuovo intervento per l’atleta paralimpico

Alex Zanardi è stato sottoposto oggi, 6 luglio 2020, ad un terzo intervento. L’atleta che ha avuto un incidente lo scorso 19 luglio, oggi ha dovuto affrontare la ricostruzione cranio facciale e la stabilizzazione delle zone interessate dall’incidente. L’intervento è durato 5 ore ed è stato eseguito da professionisti del maxillo-facciale.

Come si legge su sport mediaset, i medici hanno affermato che:

“Le sue condizioni rimangono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, gravi dal punto di vista neurologico, la prognosi rimane riservata”.

Un intervento estremamente necessario, secondo l’équipe multidisciplinare, affinché l’atleta possa continuare il suo percorso di terapie.

Il direttore della UOC Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Aou Senese, il professor Paolo Gennaro, ha affermato che le fratture erano particolarmente complesse. Ogni intervento è stato accuratamente programmato grazie anche all’uso di tecnologie computerizzate realizzate su misura per Zanardi. Nonostante la complessità dell’intervento, il professore ha dichiarato che interventi tali sono di routine per l’ospedale.

Ora è ricoverato in terapia intensiva

Ora, Zanardi è ricoverato in terapia intensiva, non è cosciente ma è sedato e respira grazie ad un ventilatore. Il suo cuore, la sua respirazione ed il suo metabolismo restano stabili. Purtroppo, però, non è lo stesso per quanto riguarda il punto di vista neurologico. Per questo motivo, i medici hanno deciso di mantenere la prognosi riservata.

Il team medico, inoltre, ha deciso, di comune accordo con la famiglia, di diramare un altro bollettino soltanto quando ci saranno delle novità per il quadro clinico dell’atleta paralimpico.