Home Personaggi Achille Lauro, chi sono i suoi parenti celebri e altolocati? Il dettaglio...

Achille Lauro, chi sono i suoi parenti celebri e altolocati? Il dettaglio sconosciuto sulle sue origini

CONDIVIDI

Quali sono le origini di Achille Lauro e chi sono i parenti del rapper noti in Italia per le loro prestigiose attività professionali

achille lauro

Scopriamo tutti i segreti di Achille Lauro, dalle origini del rapper alle attività a cui si dedicano i suoi parenti.

Un rapper sopra le righe

Achille Lauro, nome d’arte di Lauro De Marinis, è uno dei cantanti più in tendenza dopo la partecipazione al 70esimo Festival di Sanremo 2020.

Il rapper ha colpito il pubblico con le sue performance, fatte da look estremi, ispirati a personaggi storici e a temi che stanno molto a cuore al cantante e che richiamano il concetto di gender fluid.

La canzone “Me ne frego”, piazzatasi ottava nella classifica finale, non sta passando inosservata anche per via delle sue esibizioni all’Ariston, che hanno ottenuto milioni si visualizzazioni su Youtube.

Molti telespettatori che lo hanno conosciuto a Sanremo si chiedono quali siano le origini del cantante: scopriamo insieme da dove viene il rapper veronese, che ha trascorso l’adolescenza a Roma, tra Serpentara, Vigne Nuove e Conca d’Oro.

Le origini di Achille Lauro

Nonostante sia nato a Verona e vissuto a Roma per molti anni, Lauro ha origini pugliesi. Il padre, infatti, è originario di Gravina in Puglia ed è un magistrato della Corte di Cassazione. Inoltre è consigliere della sezione Lavoro di piazza Cavour.

Il padre di Lauro non è però l’unico suo parente a lavorare al servizio dello Stato Italiano: il nonno paterno Federico De Marinis per esempio era un prefetto. Gli altri membri della sua famiglia sono l’ex Procuratore della Repubblica di Bari Michele De Marinis e il Viceprefetto Matteo De Marinis, in servizio sempre a Bari.

La famiglia di Achille Lauro è costituita da un buon numero di alti funzionari statali. Nonostante il loro esempio, però, il cantante sembra proprio aver voluto seguire un’altra strada, più incline alle sue predisposizioni.