Home News Accordo fra Lazio e Sardegna, obbligo di test all’arrivo e alla partenza...

Accordo fra Lazio e Sardegna, obbligo di test all’arrivo e alla partenza dall’isola

CONDIVIDI

I test saranno effettuati in Sardegna per chi lascia l’isola, mentre per chi intende raggiungerla dovrà effettuare i tamponi nel Lazio.

Lazio Sardegna
Imposti test in Sardegna per chi lascia l’isola e test nel Lazio per chi parte per la Sardegna.

La Sardegna, regione più colpita negli ultimi mesi, grazie ad un accordo stretto con il Lazio, ha imposto a chiunque parta o arrivi sull’isola dei tamponi da effettuare.

I numerosi contagi in Sardegna sarebbero da attribuire ai turisti

Non accennano a fermarsi i contagi da coronavirus nell’ultimo periodo. Con le vacanze ormai finite ed il rientro a scuola degli studenti imminente le Regioni provano a correre ai ripari. Un’impennata dei contagi non figlia della sfortuna soprattutto per l’isola italica.
A diffondere il coronavirus in Sardegna, infatti, sarebbe stata l’enorme mole di turisti arrivata nel corso dell’estate.

L’accordo è stato possibile grazie al ministro Francesco Boccia

Ad occuparsi della mediazione per l’accordo fra Lazio e Sardegna sarebbe stato il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia. Le due regioni, infatti, hanno subito concordato sulla necessità di intensificare i controlli con test in Sardegna per chi lascia l’isola e test nel Lazio per chi parte per la Sardegna.

Secondo l’intesa a farsi carico di test e tamponi, come già avviene a Ciampino e Fiumicino, sarebbe il Lazio mentre la Sardegna pare si sia limitata a trovare una soluzione al problema.

Il tipo di accordo trovato, inoltre, potrebbe essere emulato fra altre regioni in caso di ulteriori necessità.

“Cominciamo con il dire che se non ci sono comportamenti responsabili dei singoli la battaglia è persa. È indecente scaricare tutto sul sistema sanitario, con gli operatori che con questo caldo operano da giorni con le tute protettive”

Ha dichiarato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti sulle pagine di Repubblica come riporta Rai News.
Come ribadito inoltre, proprio gli aeroporti di Fiumicino, Ciampino e Civitavecchia sono stati fondamentali per la prevenzione dei contagi: lì sono stati infatti aperti i primi box tamponi per gli arrivi.

 “I tamponi allo sbarco sono un filtro importante ma  nulla di più”

Nonostante il passo avanti fatto grazie alla collaborazione tra Sardegna e Lazio il governatore di quest’ultima regione, Nicola Zingaretti, ribadisce che per vincere la battaglia contro il virus c’è ancora molto da fare.