Franco Battiato distrutto dalla malattia: ‘Era deperito, si è asciugato’

Il fratello di Franco Battiato, Michele, ha raccontato le ultime ore di vita del cantante e di come quest’ultimo fosse stato cambiato dalla malattia.

La morte di Franco Battiato ha sconvolto il mondo della musica. Anche se in molti vorrebbero dare unì ultimo saluto al cantautore catanese, i funerali non saranno aperti al pubblico.

Franco Battiato distrutto dalla malattia

Avverranno in forma strettamente privata, proprio come è stata affrontata la malattia che purtroppo l’ha tenuto lontano dal suo pubblico dal lontano 2017.

LEGGI ANCHE –> Franco Battiato, spunta la verità da brividi sulla malattia tenuta segreta

LEGGI ANCHE –> Franco Battiato, L’ultima apparizione pubblica: le immagini da pelle d’oca

Franco Battiato, le ultime ore di vita: le parole del fratello

Il fratello del noto artista scomparso ha rotto il silenzio. Franco Battiato è stato a lungo malato, Michele Battiato ha voluto rilasciare un’intervista al Corriera della Sera dove ha raccontato le ultime ore di vita del suo adorato Franco ma la cerimonia funebre resterà fortemente privata:

“Un momento troppo intimo per essere violato da telecamere e interviste”

In effetti, la famiglia ha provato in tutti i modi, fino alle ultime ore di vita, a tenere fuori i giornalisti:

“Franco cominciava da giorni a perdere le facoltà. Si è arrivati ad un deperimento organico per cui, piano piano, si è…come posso dire? Si è quasi asciugato”

Delle parole da brividi quelle di Michele che rendono perfettamente il dolore di queste ore.

Michele racconta Franco

Durante l’intervista, il fratello Michele ammette che la morte è arrivata lentamente, il trapasso è stato lento, forse l’artista non si è accorto dell’arrivo della morte:

“Non si è accorto del trapasso. Circondato da me, mia moglie, i nipoti, i collaboratori e due medici che non ci hanno mai lasciato”.

Michele ha voluto raccontare l’ultimo giorno felice di Franco, il suo  76esimo compleanno:

“Era contento della festicciola, riuscì anche ad assaggiare la torta”.

Un ultimo bel ricordo del maestro.

Ora, non possiamo che augurare all’artista di fare un buon viaggio verso ciò che c’è aldilà del visibile e del palpabile.