Francia, migranti fatti sgomberare in modo: ‘Disumano’

Sgomberato un campo profughi stabilitosi illegalmente su territorio francese: le forze dell’ordine non hanno esitato ad usare la forza.

rivolta con fumogeni
rivolta con fumogeni – iStock

In Francia lo sgombero di un campo profughi illegale è avvenuto con uso della forza da parte delle autorità locali.

Immagini raccapriccianti mostrano inseguimento e uso di manganelli, lacrimogeni e fumogeni.

Immigrati cacciati con la forza

Le immagini che immortalano lo sgombero del campo di immigrati abusivo a Place de la Republique nella capitale francese sono raccapriccianti.

In questi termini le ha definite Gerald Darmanin, il ministro dell’Interno francese. L’uomo è rimasto senza parole quando ha visionato le immagini. Non ha parole per descrivere lo sgombero che le autorità hanno attuato. Darmanin non ha esitato a richiedere un rapporto al capo della polizia.

Video e fotografie mostrano le autorità che inseguono i migranti cacciandoli dall’area profughi in cui si trovavano. Si legge su LiberoQuotidiano.it che le autorità hanno cacciato dal campo tra le 300 e le 400 persone. Ora non hanno un posto in cui poter mangiare e dormire rimanendo al sicuro e al caldo.

Giorni fa la polizia ha cacciato 3 mila occupanti da una tendopoli situata a nord della capitale, Parigi, e proprio da questo sgombero sono nati gli accampamenti illegali a Place de la Republique. Molte persone cacciate dalla tendopoli non sono stati sistemate in luoghi sicuri e i migranti invece sono stati aggrediti dalle autorità con la forza.

Le forze dell’ordine hanno usato manganelli, lacrimogeni e fumogeni per sgomberare l’area dai migranti includendo nell’azione punitiva anche giornalisti e civili sul posto.

Lesione dei diritti umanitari

La riduzione delle misure restrittive per combattere la diffusione del virus non è l’unica riduzione avvenuta in territorio francese: in molti credono che siano stati lesi i diritti umani con questo sgombero forzato di migranti

Tutti i difensori dei diritti umani sono indignati, le associazioni che proteggono i migranti sono senza parole e hanno definito lo sgombero attuato dalla polizia un atto disumano.

I video sono approdati sui social e mostrano centinaia di migranti con zaino e coperta, costretti a lasciare la piazza. Sono costretti a vagare per la città con le minacce della polizia che risuonano in lontananza.

Il vice sindaco di Parigi è anche la persona che detiene la responsabilità dei migranti e dei rifugiati. Ian Brossat ha infatti condannato questa operazione ‘disumana’ trovando presto una soluzione alternativa. Per ora saranno forniti degli alloggi statali per tutti i migranti senza tetto, nei prossimi giorni si cercherà di rimediare.