Violenza sulle donne, 5 minuti di silenzio per le vittime: commozione al corteo con migliaia di persone

Violenza sulle donne: oggi il corteo contro le vittime. Cori, cartelli, striscioni, visi dipinti, tanta gente e anche l’osservanza dei 5 minuti di silenzio.

violenza

A manifestare contro la violenza sulle donne sono scesi in migliaia nel pomeriggio di oggi a Roma.

Un corteo al grido di Contro la violenza siamo rivolta 

Il corteo contro la violenza sulle donne è partito oggi pomeriggio a Roma da Piazza della Repubblica, per poi confluire lungo via Cavour. Tanti i cartelli con slogan ma soprattutto, con i nomi delle donne morte per mano della violenza. Sono stati osservati anche cinque minuti di silenzio per onorare, almeno simbolicamente, le vittime. Tutti seduti in terra, con le gambe incrociate. Un fiume di persone con tanti colori e tanti cori:

«Suona il grido altissimo e feroce di tutte quelle donne che non hanno voce». «Ci vogliamo vive». «Ci vogliamo vive e libere, oggi».

Un flash mob per onorare le vittime

Il titolo del flash-mob è stato Il grido muto. In particolare, l’intento è stato quello di ricordare le vittime cilene che ogni giorno vengono violentate dalla polizia. Una donna su tutte è stata eletta a simbolo di queste inaudite violenze: El mimo, ovvero Daniela Carrasco, l’attivista trovata impiccata il 20 ottobre.

I partecipanti provenivano da tutto lo stivale ma senza colore politico. Ad aprire il corteo le rappresentanti dei centri antiviolenza. Tante donne indossavano delle maschere. Laura Boldrini ha commentato l’evento affermando che la manifestazione ha riportato il tema sotto i riflettori. La Boldrini si è messa sempre in primo piano per combattere la violenza.