Belardinelli, tifoso morto prima di Inter-Napoli: arrestato l’uomo che lo investì

Arrestato l’uomo che investì Belardinelli durante gli scontri prima di Inter-Napoli: l’accusa è di omicidio volontario

Belardinelli
Belardinelli

L’accusa, per l’uomo che investì ed uccise l’ultrà del Varese Daniele Belardinelli, è di omicidio volontario.

Scontri ultras Inter-Napoli

Il 26 dicembre 2018, prima della partita Inter Napoli, si verificarono diversi scontri tra le fazioni ultras opposte. Daniele Belardinelli, ultras del Varese, fu investito da una Renault Kadjar, della carovana dei tifosi napoletani, mentre si trovava in via Novara, a poco meno di 2 chilometri dallo stadio di San Siro. Durante gli scontri che portarono alla morte di Daniele Belardinelli, un gruppo di ultrà interisti invase la strada con spranghe e bastoni. Trasportato in braccio da altri tifosi al vicino ospedale San Carlo, Daniele Belardinelli morì il 27 dicembre, per le gravi ferite riportate, dopo una complessa operazione chirurgica.

Arrestato l’uomo che investì Belardinelli

Dopo una meticolosa indagine della Polizia, è stato possibile individuare in Fabio Manduca l’uomo che, alla guida di una Renault Kadjar, la sera del del 26 dicembre 2018, investì ed uccise Daniele Belardinelli. La sua identificazione è stata possibile dopo un’attenta visione ed analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza. A fornire altri elementi finalizzate all’inchiesta sono state le intercettazioni telefoniche e le testimonianze di alcuni tifosi. Per Manduca l’accusa è di omicidio volontario.

L’ultrà del Napoli, che era in auto con altri tifosi napoletani, era nella carovana delle auto interiste. Dopo aver superato un’Audi A3, avrebbe puntato proprio a Daniele Belardinelli, investendolo. Nel marzo di quest’anno la Procura ha emesso altre 5 condanne, la più alta di 3 anni e 8 mesi, per i 6 ultrà interisti, tra cui i capi della curva Marco Piovella e Nino Ciccarelli, con l’accusa di aver provocato gli scontri prima del match.

Patteggiata la pena per Luca Da Ros, l’unico ad aver collaborato alle indagini. Manduca si era avvalso finora della facoltà di non rispondere.