Home Cronaca Mostra il volto tumefatto sui social, il coraggio di Giuliana Danzè: “Picchiata...

Mostra il volto tumefatto sui social, il coraggio di Giuliana Danzè: “Picchiata dal mio fidanzato”

La cantante di Benevento è stata ricoverata per 10 giorni in ospedale.

denuncia Giuliana Danzè

Giuliana Danzè ha scelto quindi di denunciare pubblicamente quanto le è accaduto.

Il coraggio di Giuliana Danzè

Ha scelto di denunciare la violenza che le ha inflitto il suo compagno, pubblicando un video sui social, in cui mostra i lividi causati dalle botte.

L’ennesima donna vittima di violenza è Giuliana Danzè, cantante 26enne di Benevento, nota al pubblico per le sue partecipazioni ai programmi “All together now 2” e all’edizione francese di “The Voice”.

Qualche ora fa, Giuliana ha scelto di denunciare l’aggressione subita sulla sua pagina Facebook.

In un video in cui mostra il volto tumefatto, la giovane cantante invita le donne ad avere coraggio e a denunciare i loro carnefici.

Il messaggio di speranza

“Oggi voglio metterci la faccia per denunciare pubblicamente quanto mi è accaduto. L’amore non è violenza, ricordate che l’amore è sostegno reciproco. Ricordate che non è colpa vostra, io non mi sento in colpa, non ho nemmeno paura, che mi spaccassero la faccia un’altra volta. Lotterò affinché nessuna persona si senta come me. La violenza, psicologia e fisica non dovrebbe esistere per nessuno”

ha detto la ragazza, che a stento è riuscita a trattenere le lacrime.

Giuliana Danzè è stata ricoverata per 10 giorni all’ospedale San Pio di Benevento e nel video ha ringraziato anche il personale sanitario che l’ha curata con amore e dedizione.

“Ricordate che chi resta in silenzio è complice, chi non parla è complice. Siate forti. A tutte le donne: credete in voi stesse e non abbiate paura”,

è il messaggio finale del video.

Leggi anche –> Ucciso per difendere la madre dall’ex violento, diploma con il massimo dei voti a Mirko Farci: “È un eroe”

Un invito a non avere paura di denunciare e far sentire la propria voce di fronte alle angherie di chi infligge violenza.