Home Spettacolo Verissimo, Michele Bravi confessa: “L’ultima notte con lui sul mio letto”

Verissimo, Michele Bravi confessa: “L’ultima notte con lui sul mio letto”

CONDIVIDI

Michele si racconta a Verissimo e scoppia in lacrime. Il racconto commuove tutti.

I dettagli sono super intimi.

Michele ha commosso tutti

Michele, nell’intervista di oggi a Verissimo, ha aperto il suo cuore e svelato molto dettagli intimi della sua relazione.

Si è addirittura messo a piangere e ha fatto commuovere anche la bellissima conduttrice Silvia Toffanin.

Il cantante ha confessato:

“Mi ha salvato dal dolore l’umanità del mio fidanzato”.

Michele Bravi, nel salotto di Canale 5, è tornato a parlare del suo peggior periodo della sua vita, ovvero del suo incidente nel 2018. 

La storia d’amore di Michele Bravi

Il cantante, ricordando quei momenti difficili dopo l’incidente, ha svelato:

“L’angelo che mi ha aiutato era il mio ragazzo, con cui ho condiviso tanti mesi della mia vita. 

Quando lo stavo frequentando, non ero molto interessato a costruire qualcosa.

Quando la mia vita ha conosciuto uno strappo, ho riconosciuto in lui un’umanità che non avevo mai visto prima.

Senza la sua umanità, non avrei guardato negli occhi il dolore”.

Aggiunge che lui si è fatto un po’ desiderare, dato che aveva paura di aprire il suo cuore.

Infatti dopo quell’incidente è andato molto piano con l’amore.

Ha confessato che per un pò di tempo ha avuto molti dubbi sulla loro relazione, ma non per colpa del suo fidanzato: 

“Non capivo se mi fossi attaccato a lui solo per emergenza.

A un certo punto, per motivi di visto lui se n’è andato dall’altra parte del mondo.

Lì ho capito che quello era amore e non solo una stretta di mano”. 

La commovente dedica

L’intervista si conclude con una bellissima frase che ha espresso il cantante, ovvero:

“L’ultima notte l’abbiamo trascorsa sul mio letto a guardarci negli occhi. Lui mi ha detto di trattenere quel calore dentro di me. Lui è partito da oltre due anni, ma mi ha insegnato l’umanità. L’amore non parla mai la lingua della paura”.

Una dedica davvero commovente. 

Infine Michele Bravi legge una lettera, scritta da lui, molto toccante contro l’omofobia.