Home News Vaticano, giallo sul like alla modella brasiliana: “Il Papa non è Trump”

Vaticano, giallo sul like alla modella brasiliana: “Il Papa non è Trump”

CONDIVIDI

La Santa Sede ha chiesto spiegazioni ad Instagram per quel like partito dall’account ufficiale di Papa Francesco.

Papa Francesco, like a modella brasiliana
Papa Francesco- Foto web

La vicenda ancora da chiarire sta sollevando un polverone e mobilitando il Vaticano, la secca smentita dall’entourage del Papa.

Il giallo del like del Papa su Instagram

Che i social stiano diventando parte integrante della vita quotidiana a vari livelli è ormai chiaro, ma nessuno si sarebbe aspettato un giallo che coinvolgesse Papa Francesco ed Instagram.

Da quanto si apprende da vari quotidiani tra cui Huffposting il caso sarebbe scoppiato in seguito all’apparizione di un like ad una foto sul profilo di una modella brasiliana di nome Natalia Garibotto.

Molti dei followers della giovane, più di 2,4 milioni, hanno notato il like dell’account ufficiale di Papa Francesco e si è scatenata la curiosità.

Come sia possibile che tale like allo scatto della ragazza in posa provocante sia partito dall’account del Papa? Questo è l’interrogativo che tutti si stanno ponendo in queste ore poiché oltre all’ironia bonaria alcuni utenti temono anche un possibile hackeraggio del profilo.

La modella e la sua agenzia, la COY Co hanno scherzato sull’accaduto, sperando anche in un ritorno di immagine:

“Abbiamo ricevuto la benedizione del Papa” “Almeno andrò in paradiso”

Il like è stato ovviamente subito rimosso è dalla Santa Sede è arrivata la smentita ufficiale ma gli interrogativi restano.

Il Vaticano chiede spiegazioni ad Instagram

Dal Vaticano è immediatamente giunta la smentita di un’azione volontaria di Papa Francesco.
Un portavoce della Santa Sede infatti ha dichiarato al tabloid The Guardian:

“Possiamo escludere che il ‘like’ provenga dalla Santa Sede. Ci siamo rivolti a Instagram per spiegazioni”.

Spiegando inoltre che i movimenti degli account social con i più di 7,4 milioni di seguaci non sono gestiti dal Papa che ne approva solo i contenuti. Le azioni sono infatti gestite da un team di esperti.

“Il papa non è come Donald Trump, non se ne sta seduto a twittare tutto il giorno.. Sicuramente non ha nulla a che fare con tutto ciò”.

Ha sentenziato Robert Mikens, l’editore di La Croix il quotidiano cattolico.
Ora il social Instagram dovrà fornire spiegazioni alla Santa Sede su quanto accaduto ma anche a livello interno il Vaticano ha avviato un’indagine interna per chiarire se si tratti di un errore, di un hacheraggio o di uno scherzo. Nel frattempo la vicenda continua ad avere una risonanza virale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Natalia Garibotto (@nataagataa)