Home News USA, il vaccino monodose Johnson&Johnson ha ricevuto il via libera

USA, il vaccino monodose Johnson&Johnson ha ricevuto il via libera

CONDIVIDI

Dopo Pfizer-BioNTech e Moderna arriva il terzo vaccino negli Stati Uniti. Entro la fine di giugno la multinazionale consegnerà 100 milioni di dosi.

Vaccino Stati Uniti
Vaccino – iStock

 

Adesso ci sono i numeri per vaccinare tutti i cittadini americani. Il quantitativo del nuovo antidoto anti-covid andrebbe infatti a sommarsi alle 600 milioni di dosi che gli altri due colossi farmaceutici si sono impegnati a consegnare al Paese.

Le scorte della campagna vaccinale

Per Johnson&Johnson arriva l’approvazione della Food and Drag Administration (Fra). L’ente governativo a tutela della salute dei cittadini, ha decretato l’utilizzo del vaccino in emergenza.

Vuol dire che l’approvazione non è piena: si ritiene che il vaccino,  sia ancora in fase sperimentale, sebbene abbia conseguito dei risultati convincenti.

“Altamente efficace nel prevenire le forme gravi di covid-19, incluse quelle derivanti dalle nuove varianti”.

Così si è espresso l’agenzia a controllo dei farmaci sul nuovo vaccino.

Infatti il siero Johnson&Johnson ha mostrato nei test clinici un’efficacia del 72%.

Ma la novità assoluta rispetto agli altri vaccini è che basta un’unica dose, così i tempi di attesa si riducono e anche i costi che comporta il richiamo.

Le parole Joe Biden

Il presidente saluta l’approvazione con soddisfazione e prudenza al contempo. Ritiene la notizia “incoraggiante” ma invita alla cautela, a “non abbassare la guardia” giacché:

“Non possiamo pensare che la vittoria contro il virus sia ormai inevitabile”

L’Unione Europea potrebbe autorizzare il vaccino monodose nelle prossime due o tre settimane.

Mario Draghi nella sua prima partecipazione al Consiglio dell’Ue ha ribadito l’urgenza di velocizzare i tempi per combattere il diffondersi e il proliferare delle varianti. Perciò è necessaria, secondo il presidente del Consiglio, un’azione “coordinata“, “rapida e trasparente” a livello europeo.

In Italia vi sono circa 2 milioni di dosi per un pronto utilizzo, mentre 4 milioni sono già state inoculate e sono 1.391.091 ad avere ricevuto entrambe le dosi.