Home Televisione Una notte da leoni 2, le cinque curiosità che non conoscete sul...

Una notte da leoni 2, le cinque curiosità che non conoscete sul film

CONDIVIDI

Sai tutto su Una notte da leoni 2? Vediamo insieme alcune curiosità sul film di successo di Todd Phillips che verrà trasmesso su Italia 1

Una notte da leoni 2

Scopriamo insieme alcune curiosità relative a Una notte da leoni 2, sequel del film di successo diretto da Todd Phillips!

Il successo di Una notte da leoni 2

Una notte da leoni 2 è il sequel di Una notte da leoni. Il film è uscito nel 2011 ed è diretto da Todd Phillips. Le pellicola, che si rivelò un successo clamoroso, racconta le avventure del gruppo di amici formato da Phil (Bradley Cooper), Stu (Ed Helms), Alan (Zach Galifianakis) e Doug (Justin Bartha). I 4 si spostano in Thailandia, per celebrare il matrimonio di Stu, ma si ritroveranno preso nei guai.

Mediaset ha deciso di trasmettere il film, che andrà in onda domenica 14 giugno 2020 in prima serata su Italia 1. A tal proposito, ecco alcune curiosità sulla pellicola di successo!

Alcune curiosità sul film

Il malore di Ed Helms

Ed Helms (Stu) si sentì malissimo a causa di un’intossicazione alimentare nel corso della scena in cui balla per strada. Dopo ogni ciak, l’attore si rifugiava sotto le coperte.

Il personaggio del tatuatore Joe

Phillips ebbe difficoltà a selezionare l’attore per interpretare il personaggio del tatuatore Joe. Inizialmente si pensò a Mel Gibson, poi a Liam Neeson. Solo alla fine si optò per Nick Cassavetes.

Le risate di Bradley Cooper

Durante la scena in cui Stu si rende conto di avere un tatuaggio sulla sua faccia, Bradley Cooper scoppia a ridere realmente. Todd Phillips ritenne quella risata talmente spontanea da volerla mantenere nel taglio originale del film.

Mike Tyson e il canto

Secondo alcune indiscrezioni, Mike Tyson avrebbe preso delle lezioni di canto durante la produzione del film. Il tutto con l’obiettivo di girare una particolare scena presente nel secondo capitolo della saga.

La percentuale sugli incassi

A tutti i protagonisti principali, e anche al regista, fu promessa una percentuale sugli incassi, oltre all’enorme compenso ricevuto per il film.