Home Televisione Un Posto al Sole, “Colpo di fulmine per Arianna”: spoiler dopo l’addio...

Un Posto al Sole, “Colpo di fulmine per Arianna”: spoiler dopo l’addio di Andrea Pergolesi

CONDIVIDI

Un Posto al Sole suscita la curiosità dei fan con l’introduzione del personaggio di Samuel, che potrebbe rivelarsi il nuovo amore di Arianna

un posto al sole

Scopriamo maggiori dettagli sulla questione che sta suscitando la curiosità dei fan di Un posto al sole, correlata all’arrivo di Samuel Piccirillo e all’uscita dai giochi di Andrea Pergolesi.

L’entrata in scena di Samuel

La soap italiana più amata ha di recente visto l’ingresso dell’attore Samuele Cavallo nel ruolo di Samuel Piccirillo. Questo è diventato l’argomento del momento tra i fan della soap opera in onda su Rai 3.

Questa new entry si è già fatta notare, accettando il lavoro al Vulcano: il giovane si è ritrovato scaraventato ai fornelli, senza avere la possibilità di dimostrare le sue vere abilità.

Ancora non si sa quale sarà il reale ruolo ricoperto dal personaggio di Samuel Piccirillo. Le prossime anticipazioni di Un posto al sole non svelano troppi dettagli in tal senso.

Ciò che si sa è che Silvia resterà stupita dal suo nuovo dipendente, avendo modo di apprezzarne il talento.

Un certo apprezzamento è stato mostrato anche da Arianna, con la quale ha scambiato sin da subito alcuni sguardi che sono apparsi molto complici agli spettatori.

Secondo i fan della soap opera, è lecito pensare che tra i due personaggi possa nascere in breve tempo una certa simpatia, che potrebbe trasformare Samuel nella nuova fiamma di Arianna dopo Andrea.

L’uscita dai giochi di Andrea

Ed effettivamente, nelle ultime settimane, si sta dedicando sempre meno spazio al personaggio di Andrea Pergolesi, visti i suoi continui viaggi a Londra da Alice.

La situazione sembra sia destinata a peggiorare per il personaggio, visto che l’attore Davide Devenuto ha deciso di abbandonare ed è già stato tolto dalla sigla della soap.

Il personaggi di Andrea Pergolesi continuerà a comparire in maniera saltuaria fino a gennaio 2020.