Home Televisione Un posto al sole, anticipazioni sino al 24 luglio: l’accordo di Marina

Un posto al sole, anticipazioni sino al 24 luglio: l’accordo di Marina

CONDIVIDI

Un posto al sole torna su Rai 3 con nuovi e intriganti episodi di una delle soap opera italiane più amate nel nostro Paese

Un posto al sole

Vediamo insieme cosa accadrà nei prossimi appuntamenti di Un posto al sole, in particolare nelle puntate della fiction in onda fino a venerdì, 24 luglio 2020!

L’infatuazione di Patrizio

In base alle anticipazioni di Un posto al sole in onda fino al 24 luglio 2020, pare che Filippo proverà a trascorrere del tempo con Irene, con l’obiettivo di trasmettere serenità alla figlia.

Intanto, Marina cercherà di far riappacificare Roberto e Fabrizio, mentre il matrimonio di Viola sarà sempre più in crisi. Nel frattempo, Clara e Alberto decideranno di partecipare al pranzo organizzato in cortile da tutti gli abitanti di palazzo Palladini: sarà proprio in quell’occasione che Patrizio avrà un vero e proprio colpo di fulmine per Clara.

Marina vuole evitare che Ferri si scontri nuovamente con Fabrizio, e per questo farà a Roberto una proposta che potrebbe rivelarsi alquanto negativa per lei.

La mediazione di Marina

Intanto Angela farà un regalo di compleanno a Viola, ma la giovane non ne sarà molto felice. Nicotera proseguirà le sue indagini per scoprire in quale luogo si nasconda il boss Tregara.

Nel frattempo, il personaggio di Filippo chiederà inutilmente aiuto a Serena per contrastare le malefatte del padre. La tristezza di Viola verrà alleviata dalla sua figlia, che le trasmetterà gioia nel giorno del suo compleanno.

Continuano i dissapori fra Filippo e Roberto, ma Marina non ne può più e, per mediare fra i due, proporrà a Ferri un nuovo accordo riguardo la costruzione dei chartering.

Infine, nonostante i tentativi, il personaggio di Patrizio non riuscirà più a nascondere la sua infatuazione per Clara, mentre Nicotera continuerà a mettere sotto pressione Alberto, tempestandolo di domande per venire a capo del caso Tregara.