Home Cronaca Torino, video hard di una maestra d’asilo finisce in rete: la direttrice...

Torino, video hard di una maestra d’asilo finisce in rete: la direttrice la licenzia

CONDIVIDI

La giovane aveva inviato il video ad un ragazzo con cui si frequentava. Le scene erano poi finite nella chat del calcetto.

video hard maestra asilo

Da lì sono arrivate alla direttrice della scuola, che ha licenziato la maestra.

La maestra d’asilo e il video hard finito in rete

Aveva girato un video hard per il ragazzo con cui si frequentava. Dopo averglielo inviato su whatsapp, è iniziato l’incubo di una maestra d’asilo del torinese.

Come riferisce anche La Repubblica, quel video ha fatto in breve tempo il giro delle chat whatsapp. Prima nella chat del calcetto del giovane che lo aveva ricevuto, poi è finito nelle mani della direttrice della scuola in cui lavora l’insegnante.

A scoprirlo, per prima, la moglie di uno dei compagni di calcetto del giovane che lo aveva diffuso in rete. La donna si accorge che la protagonista del video è la maestra d’asilo di suo figlio e decide di inviare le immagini alle altre mamme.

Poi la donna minaccia la maestra:

“Guai a te se lo denunci o lo dici in giro. Altrimenti dico tutto alla dirigente dell’asilo”.

La denuncia e il ricatto

L’insegnante però non si fa intimidire da quel ricatto e decide di denunciare tutto. La mamma, dal canto suo, fa visionare il video alla direttrice dell’asilo, che decide quindi di licenziare la maestra.

La dirigente ha spiegato alle altre mamme il motivo del licenziamento ed ha annunciato alla maestra che in quel modo non avrebbe più trovato lavoro. È quindi scattata la denuncia per diffamazione.

Intanto per l’ex fidanzato della maestra è scattato l’anno di messa alla prova. Il giovane dovrà svolgere otto ore di lavori socialmente utili ogni settimana, senza alcuna sospensione nei mesi estivi o nei periodi festivi.

La maestra ha invece chiesto un risarcimento cospicuo, altrimenti, ha annunciato di costituirsi parte civile nel processo contro la dirigente scolastica e la mamma dell’alunno che aveva fatto arrivare il video alla direttrice.