Home Spettacolo Testimonianza scioccante di Mark Beck: “Ylenia è viva e l’ho incontrata io...

Testimonianza scioccante di Mark Beck: “Ylenia è viva e l’ho incontrata io stesso”

CONDIVIDI

Ylenia non è morta, è semplicemente andata via. Lo rivela Marck Beck che l’ha incontrata in un bar in Florida

ylenia carrisi vive in florida

Secondo Marck Beck, amico di Ylenia, Romina e Al Bano sanno che la figlia è viva. Mark ha appreso che in Italia la vicenda di Ylenia continua a far notizia, per questo ci tiene a ricordare a tutti come la sua testimonianza risalente ai tempi della scomparsa, fosse sempre stata ignorata. Allora lo rimarca:

“Ylenia sta bene, l’ho vista in un bar in Florida… non è sparita, è semplicemente andata via”

Romina e Al Bano, stando a quanto dichiarato da Marck Beck, starebbero mentendo mentono, perchè?

Albano e Romina conoscono la verità, Ylenia vive in Florida

La scomparsa di Ylenia Carrisi risale al 1994 quando la ragazza si trovava all’Hotel Le Dale di New Orleans. Da quel giorno sono state formulate numerosi ipotesi e sulla base di nuovi indizi il caso è stato più volte riaperto.

Allo stato attuale restano una certezza e tre grandi interrogativi: Ylenia non ha mai più fatto ritorno in Italia. Cosa è accaduto realmente? Romina e Albano stanno davvero mentendo? Perchè lo fanno?

Secondo il sito thrillermagazine.it i Carrisi sarebbero a conoscenza della verità da sempre, Ylenia è viva e vivrebbe in Florida.

Nel corso di un’intervista March Beck dichiara di essere stato in contatto con Ylenia fino al 1997, cioè per oltre 3 anni dal giorno della dichiarata scomparsa. Marck ha anche dichiarato la meraviglia che ha provato quando ha saputo che avesse scritto un libro nel quale afferma che Ylenia fosse morta annegata nel Mississipi, probabilmente a causa di una disgrazia o perché si è suicidata come conseguenza dell’uso di droga e cattive amicizie.

Nello stesso momento in cui Albano parlava di suicidio, Marck Beck incontrava Ylenia e lui lo sapeva. L’ultima volta che ha visto la ragazza risale al 1997 in un bar a Londra, le chiese se avesse rassicurato la sua famiglia e lei le avrebbe risposto che “non occorreva che tenesse informati i suoi genitori perchè sapevano benissimo che era viva”.

Nel 1994 due giornalisti italiani, Enzo Catania e Mario Celi, scrissero un libro “Il mistero di Ylenia”. Nel libro si parla di un amico di Ylenia, Marck Beck, che dietro laudo compenso di Albano sarebbe andato in Florida alla ricerca di Ylenia. Nel corso di un’intervista risalente al 2007, Beck parlò anche di questo e affermò di essere stato in Florida nel 1994 e di aver trovato Ylenia, ma di non aver ricevuto alcun compenso:

Certo che ho trovato Ylenia! Era seduta al bar Rossella O’Hara di Saint Augustine in Florida. Era in compagnia di un uomo di colore che si chiamava Chet. Io le ho detto subito che a New Orleans la stavano cercando dappertutto. Anzi, ho chiamato Romina Power per assicurarla che Ylenia era viva, stava bene. Ylenia mi chiese di ritornare a New Oreleans per recuperare il passaporto e i traveller cheque che aveva lasciato all’Hotel Le Dale. Non ne voleva sapere più dei genitori, di nessuno. Voleva essere libera”.

Il racconto continua:

Sono rientrato a New Orleans ma Albano e Romina erano già partiti per l’Italia. Trovai Yari e gli dissi che Ylenia era viva e chiedeva di rientrare in possesso dei suoi documenti e lui mi disse che si sarebbe occupato lui della cosa. Io rientrai a Stoccolma. Nel mio Paese. L’anno seguente nel 1996, ritornai in Florida e ritrovai ancora Ylenia a Saint Augustine”.

Secondo il ragazzo Albano era al corrente di tutto ma gli chiese di tacere con la stampa.

Passò un altro anno e prima del Natale del 1997 mi trovavo a Londra. Fu in quella città che rividi Ylenia. La fermai e le ripetei se i suoi genitori erano al corrente di questi suoi spostamenti. Mi assicurò di sì. Che dovevo stare tranquillo. Era tutto a posto. Solo che non sarebbe più ritornata a Cellino”.

Da quel momento Marck Beck non ha più incontrato Ylenia, ma era al corrente che una sua ex fidanzata la sentiva ancora.