Home Politica Superbonus 110%: Patuanelli ha firmato il secondo decreto attuativo, il c.d. Decreto...

Superbonus 110%: Patuanelli ha firmato il secondo decreto attuativo, il c.d. Decreto Requisiti Ecobonus

CONDIVIDI

Al via al Superbonus 110% previsto nel Decreto Rilancio: il Ministro Patuanelli ha siglato le carte che rendono attuative il provvedimento, si tratta di “una misura fondamentale per ripartire”.

superbonus 110%

Il Superbonus 110% è una misura che mira ad incrementare l’efficienza energetica, migliorare la tenuta antisismica o installare un sistema fotovoltaico.

L’agevolazione è prevista per le spese documentate sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

Possono accedere al Superbonus al 110% le persone fisiche, i proprietari, gli usufruttuari, le cooperative, gli istituti autonomi (come le case popolari IACP), le Onlus e le società sportive dilettantistiche per la sola parte riguardante gli spogliatoi.

Sono ammessi gli interventi effettuati sulle parti comuni di condomini e sulle unità immobiliari indipendenti.

Il bonus non può essere utilizzato per abitazioni signorili, ville e castelli.

Superbonus 110%: una misura accolta con favore

Il Superbonus 110% è una misura accolta con entusiasmo, lo stesso Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri si è detto entusiasta:

“Nel segno del Green New Deal, continuiamo a lavorare per un futuro più sostenibile e per rendere l’Italia il primo Paese a impatto zero”.

Anche la Ministra delle Infrastrutture De Micheli ha commentato che:

“Il rilancio dell’industria edile e la qualità della vita delle persone sono priorità assolute”.

È stato siglato il secondo decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo Economico, c.d. Decreto Requisiti Ecobonus mentre il primo, c.d. Decreto Asseverazioni Ecobonus, era stato firmato già da qualche giorno.

Il provvedimento è costituito da 12 articoli e 9 allegati:

  • Allegato A contenente i Requisiti da indicare nell’asseverazione per gli interventi che accedono alle detrazioni fiscali;
  • Allegato B contenente la Tabella di sintesi degli interventi;
  • Allegato C contenente la Scheda dati sulla prestazione energetica (dati estratti da APE o AQE);
  • Allegato D contenente la Scheda informativa;
  • Allegato E contenente i Requisiti di isolamento termico;
  • Allegato F contenente i Requisiti delle pompe di calore;
  • Allegato G contenente i Requisiti degli impianti e degli apparecchi a biomassa;
  • Allegato H contenente i Collettori solari;
  • Allegato I contenente i Massimali specifici di costo per gli interventi sottoposti a dichiarazione del fornitore o dell’installatore ai sensi dell’Allegato A.

Superbonus 110%: il secondo decreto attuativo, il Decreto Requisiti Ecobonus

Il c.d. Decreto Requisiti minimi Ecobonus emesso dal Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il MEF, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, definisce i requisiti tecnici che devono soddisfare gli interventi che beneficiano delle detrazioni fiscali del 110% previste dall’articolo 119 del Decreto Rilancio.

Superbonus 110%: i contenuti dell’asseverazione tecnica

Il Decreto Asseverazioni definisce i contenuti dell’asseverazione tecnica e fornisce due modelli di asseverazione utilizzabili per l’asseverazione:

  • dello stato di avanzamento.
  • dello stato finale.

L‘asseverazione tecnica deve contenere:

  • la dichiarazione con la quale il tecnico abilitato specifica di voler ricevere ogni comunicazione con valore legale ad un preciso indirizzo di posta elettronica certificata, anche ai fini della contestazione di assicurazioni infedeli;
  • il richiamo agli articoli 47, 75 e 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà):
  • il timbro fornito dal Collegio o dall’ordine professionale, attestante che il tecnico che ha redatto l’asseverazione possiede il requisito dell’iscrizione nell’Albo professionale e di svolgimento della libera professione;
  • la dichiarazione che il massimale della polizza allegata è adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate.

Si ricorda che all’asseverazione tecnica dovrà essere allegata una copia del documento di riconoscimento e una copia della Polizza di Assicurazione, che costituisce parte integrante del documento di asseverazione.

Il massimale della polizza assicurativa deve essere adeguato al numero delle asseverazioni rilasciate e all’ammontare degli importi degli interventi oggetto delle Asseverazioni.

In ogni caso il massimale della Polizza di Assicurazione non può essere inferiore a € 500.000.