Home News Nuove ipotesi al vaglio: somministrare una sola dose di vaccino a chi...

Nuove ipotesi al vaglio: somministrare una sola dose di vaccino a chi ha già avuto il Covid

CONDIVIDI

Il vaccino anti-coronavirus in un’unica somministrazione, senza effettuare il richiamo nelle persone che già hanno contratto la Covid-19.

Una sola dose di vaccino a chi ha già avuto il Covid.
Massimo Galli e Alberto Mantovani.

Lo sostengono illustri esperti come Alberto Mantovani e Massimo Galli.

Vaccino anti-Covid

L’ipotesi che sta prendendo piede in campo scientifico, riguarda la possibilità di somministrare una sola dose di siero del vaccino anti-covid in coloro che hanno contratto il virus o che sono risultati al test asintomatici.

A pensarlo ci sono diversi esperti, i quali si basano anche sui primi studi scientifici, questa tesi sta aprendo un confronto anche con l’Agenzia italiana del farmaco.

Per quanto viene confermato dalle autorità sanitarie, che sottoporre a vaccinazione le persone guarite dal covid non porti con sé alcuna controindicazione, è L’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) che ultimamente ha consigliato di posticipare la somministrazione del vaccino in chi ha contratto il virus. Anche la Francia si sta orientando, nella sua campagna vaccinale in tal senso.

E questo anche alla luce dell’attuale condizione di scorte limitate di vaccini anti-Covid.

Il parere degli esperti

Anche il professore Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas, come riportato da Leggo, riferisce nel corso di una trasmissione televisiva che

“Abbiamo osservato che nelle persone che hanno avuto il Covid, alla prima dose di vaccino, c’è una risposta straordinaria dal punto di vista dei livelli di anticorpi”.

E aggiunge anche come alcuni studi lavori suggeriscano che si potrebbe assecondare  l’ipotesi di dare una sola dose a chi ha avuto Covid sintomatico.

Occorre dire che al momento non ci sono  linee guida da poter seguire a livello internazionale, per questo le strategie adottate sono diverse da nazione a nazione.

Della stessa idea il direttore del dipartimento Malattie infettive all’Ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, il quale afferma che le persone guarite da Covid

“non andrebbero vaccinate”.

Secondo Massimo Galli i guariti conservano una risposta immunitaria anche a lungo, senza contare che

“in alcuni casi si sono viste delle reazioni più pesanti in soggetti guariti e vaccinati”.

Galli sottolinea che per quanto non ci siano state reazioni gravi al vaccino anti-covid, ad oggi non si conoscono le reazioni dell’organismo ad esempio in un soggetto anziano.