Home Cronaca Si sente male al nono mese di gravidanza, morti mamma e neonato:...

Si sente male al nono mese di gravidanza, morti mamma e neonato: scatta l’indagine

CONDIVIDI

La tragedia è avvenuta a Cesano, vicino Roma. La vittima aveva accusato sintomi febbrili e vomito.

donna incinta morta insieme al neonato

Giunta all’ospedale Sant’Andrea nulla è stato possibile fare per salvare la neomamma ed il suo bambino.

Dramma a Cesano: donna incinta muore insieme al bambino

Una tragedia dai contorni ancora tutti da definire quella avvenuta a Cesano, paesino alle porte di Roma. Come riferisce anche Fanpage, una donna incinta, al nono mese di gravidanza, è morta insieme al neonato che portava in grembo.

Tutto è cominciato la mattina del 6 ottobre scorso, quando la donna ha allertato il 112, lamentando forti dolori cervicali, vomito e nausea.

Gli operatori sanitari, giunti nell’abitazione della vittima, hanno constatato che la donna, cosciente, aveva sintomi febbrili. Durante il trasferimento all’ospedale Sant’Andrea, la situazione si è aggravata e la signora è andata in arresto cardiocircolatorio.

In un primo momento gli operatori che erano diretti all’ospedale San Pietro, che stava seguendo la gravidanza della vittima, hanno cambiato rotta, per dirigersi all’ospedale Sant’Andrea della capitale.

La vittima è giunta in ospedale in arresto cardiocircolatorio, ma in pochi istanti la situazione è precipitata e per la giovane mamma non c’è stato nulla da fare. Con lei è deceduto anche il bambino che portava in grembo.

I medici le hanno praticato un cesareo d’urgenza, per tentare di salvare il neonato, ma nulla è stato possibile fare. Il bambino è morto insieme alla mamma.

Disposta l’autopsia

La direzione dell’ospedale Sant’Andrea ha quindi disposto l’esame autoptico sul corpo della donna, per accertare le reali cause del decesso.

L’ipotesi, che dovrà trovare conferma, è che i sintomi febbrili possano essere riconducibili ad un contagio da coronavirus.

“L’Ares 118, L’Azienda ospedaliera Sant’Andrea e il Servizio sanitario regionale esprimono un profondo cordoglio ai famigliari della donna”

si legge in una nota.

La vittima avrebbe dovuto partorire tra qualche giorno.