Home News Roma, sgombero della scuola occupata di Via Cardinal: tra blindati e proteste

Roma, sgombero della scuola occupata di Via Cardinal: tra blindati e proteste

CONDIVIDI

Da ieri sera si procede allo sgombero della scuola occupata di Via Cardinal, tra i blindati e le proteste per non cedere alla richiesta. Ecco cosa sta succedendo

Roma, sgombero della scuola occupata
Roma, sgombero della scuola occupata

Grande notte per lo sgombero della scuola occupata di Via Cardinal, con resistenza da parte degli occupanti e la Polizia che è entrata in azione.

L’occupazione di Via Cardinal

Dalle ore 23.30 di ieri sera – domenica – davanti alla scuola si trova un dispiegamento di Polizia al fine di procedere con lo sgombero in merito all’occupazione iniziata nel 2003 e attiva ancora oggi.

Al suo interno hanno trovato un posto dove stare 340 persone, 80 minori, 78 famiglie che avevano necessità urgentemente di un posto dove stare non avendo un’unità abitativa.

Lo sgombero non è una novità considerando che da tempo il tira e molla politico stava portando verso questa decisione. Nella circolare del Viminale questo stabile risulta essere il primo della lista, seguito da altri la quale seguirà lo stesso iter.

L’operazione da parte della Polizia

Il dispiegamento delle forze armate da questa notte è notevole, contando 6 camionette dei Carabinieri, 18 blindati della Polizia, 6 defender, un elicottero e 2 camion con gli idranti.

Non solo, sul posto sono anche presenti due camper della Sala Operativa con 50 agenti della Polizia Locale. Naturalmente dall’altra parte ci sono gli attivisti e giornalisti, alla quale viene impedito l’accesso anche per motivi di sicurezza.

In questo momento un fotografo è stato colpito, alcuni rifiuti sono stati bruciati e le barricate si fanno sempre più alte. Disposte le barricate:

“intanto uscite poi troveremo delle soluzioni”

Con gli ex occupanti disperati e convinti di non avere più alcuna soluzione, una volta abbandonato il posto che ha ospitato loro – sotto occupazione – per tantissimo tempo.