Home News Scuola, Azzolina: Supplenze 2020, le graduatorie diventeranno digitali

Scuola, Azzolina: Supplenze 2020, le graduatorie diventeranno digitali

CONDIVIDI

Scuola, Supplenze 2020: le graduatorie saranno provinciali e digitali

Grazie all’emendamento approvato nel Decreto Scuola, il Ministro dell’Istruzione Azzolina menziona il fatto che le graduatorie diventano digitali.

“Le graduatorie che erano di istituto e cartacee diventano provinciali e digitali. Un’innovazione che riguarda un milione di persone”,

ha sottolineato la stessa Azzolina.

Nelle supplenze a Scuola le graduatorie digitali saranno gestite non più dai Presidi, ma dagli Usr.

Inoltre, la digitalizzazione delle graduatorie porta una “ventata” di cambiamenti:

  • la procedura avverrà telematicamente, mentre precedentemente era cartacea. Questo dovrebbe ridurre le tempistiche,
  • i precari potranno concorrere su tutte quelle della provincia e non solo sulle 10 o 20 scuole indicate.

Quando sono arrivata tutte le procedure, tranne la mobilità, erano cartacee»,

sottolinea la stessa Ministra Azzolina.

Supplenze 2020, procedura veloce con le graduatorie digitali

L’innovazione per quanto concerne le supplenze 2020 riguarda le graduatorie digitali visto che tutto il procedimento (domanda + scelta dell’istituto scolastico) sarà telematico.

Un procedimento velocizzerà sia il processo di presentazione che la verifica dei punteggi da parte dell’Ufficio Scolastico.

I tempi di assegnazione delle supplenze saranno molto rapidi: teoricamente per la data di inizio delle lezioni numerose Province potranno avere già i supplenti in cattedra, poiché l’assegnazione avverrà in un’unica giornata o nel giro di pochi giorni.

Ciò permetterà di evitare la dispersione delle convocazioni e delle sovrapposizioni negli incarichi conferiti dai Dirigenti Scolastici.

Inoltre, questo innovativo sistema dovrebbe limitare al minimo il ricorso alle MAD domande di messa a disposizione che saranno sempre possibili.

Dalla stima dello stesso Ministro dell’Istruzione il numero di domande complessive tra seconda e terza fascia dovrebbe ammontare ad un milione.

Per il biennio 2020/21 e 2021/22. le graduatorie diventeranno provinciali, per cui si concorrerà fino al 30 giugno e 31 agosto nella provincia scelta.

Graduatorie seconda e terza fascia: occorrono 24 CFU

La norma approvata nel Decreto Scuola n.126/2019, convertito con modificazioni nella Legge n. 159 del 20 dicembre 2019, sottolinea che l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie per posto comune nella scuola secondaria

“è riservato ai soggetti precedentemente inseriti nella medesima terza fascia nonché ai soggetti in possesso dei titoli di cui all’articolo 5, commi 1, lettera b), e 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59”.