Home Politica Scissione Pd, Matteo Renzi è pronto per il suo movimento “Italia Viva”:...

Scissione Pd, Matteo Renzi è pronto per il suo movimento “Italia Viva”: chi andrà insieme a lui?

CONDIVIDI

La scissione Pd è pronta e così anche Matteo Renzi, che stupisce tutti con i dettagli del progetto. Ecco cosa dobbiamo aspettarci

Scissione Pd
Scissione Pd

Una scissione del Pd che oramai è concreta, un nuovo nome e molti fedelissimi che accompagneranno Matteo Renzi in questa nuova avventura.

La nuova avventura di Matteo Renzi

L’ex Premier ha confermato la sua nuova avventura nel salotto di Bruno Vespa a Porta a Porta, dichiarando di essere positivo e pronto insieme ad altri politici che lo seguiranno.

Il suo movimento si chiamerà Italia Viva, due parole semplici e lineari che Matteo Renzi intende far ricordare agli italiani. Bruno Vespa ha accolto l’ex Premier ed hanno immediatamente parlato di questo progetto dal nome ottimistico che guarda al futuro.

L’ex Premier rassicura immediatamente sulla solidità dell’esecutivo e che il suo gruppo sarà pro Governo Conte Bis e non contro:

“lo abbiamo fatto proprio per dare una lunga vista al governo”

Non nega di voler molto bene al popolo del Pd oramai con lui da sei anni, ma la voglia di parlare alla gente che crede nella politica è tanta:

“il partito novecentesco non funziona più, c’è bisogno di qualcosa di allegro e divertente”

Gruppi parlamentari e la lotta contro Matteo Salvini

A seguire Matteo Renzi ci saranno 40 parlamentari, di cui 25 deputati e 15 senatori con i nomi che verranno svelati oggi nel pomeriggio:

“i parlamentari li ho lasciati a zingaretti e rimane un mio amico”

Conferma inoltre che la parola scissione non è quella corretta, perché non vuole dare una idea di distaccamento ma di nuova soluzione per un futuro italiano più ottimista.

Non si placa la sua lotta contro Matteo Salvini:

“nel nome dell’interesse del paese facciamo un accordo contro salvini”

La prima telefonata dopo aver deciso di compiere il passo della creazione di un nuovo movimento è stata per Roberto Gualtieri, che ha subito un duro colpo per poi passare a Conte – che sembra aver dato il suo benestare.