Home Casi La terribile storia di Ruth, il cane preso a badilate e bruciato...

La terribile storia di Ruth, il cane preso a badilate e bruciato vivo a Palermo

CONDIVIDI

La cagnolina Ruth, presa a badilate e poi bruciata viva: una storia agghiacciante che non deve passare in secondo piano!

ruth

L’ENPA e i volontari della zona si stanno mobilitando affinché l’assassino di Ruth paghi per il crimine commesso.

La tragica morte di Ruth

Da Partinico, un paese in provincia di Palermo, giunge una terribile notizia che sta sconvolgendo l’opinione pubblica, specialmente quella che si batte ogni giorno in difesa degli animali.

Un anziano contadino della zona, forse non contento del continuo passaggio di una cagnolina, conosciuta da tutti come Ruth, nella sua proprietà, ha deciso di fermarla. E lo ha fatto in un modo orribile, prendendola a badilate dopo averle legato le zampe e infine bruciandola viva.

Un vicino ha fotografato le atrocità compiute dall’anziano e ha postato le immagini online, dove gli utenti web del paese hanno immediatamente riconosciuto l’uomo.

Alcuni volontari, venuti a conoscenza del gravissimo fatto, hanno trasportato Ruth in una clinica veterinaria, dove purtroppo non c’è stato nulla da fare. Nel frattempo, hanno sporto denuncia.

La mobilitazione nazionale

L’Ente Nazionale Protezione Animali ha fatto sapere che chiederà di costituirsi parte civile in un procedimento penale a carico del pensionato.

Allo stesso modo, si appella allo Stato italiano, con la portavoce del gruppo, la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi:

“Al nuovo governo chiediamo di farsi promotore di un’iniziativa forte su un tema trasversale alle forze politiche. Lo dimostrano, del resto, anche le numerose iniziative legislative che vanno tutte in direzione di un auspicato giro di vite per l’abbandono (art 727 codice penale), l’uccisione (art. 544 bis) e maltrattamento (544 ter) di animali. Chiediamo a tutti tenere fede gli impegni assunti di fronte a milioni di cittadini».

In base alle testimonianze dei cittadini di Partinico, Ruth era una randagia che viveva tranquilla sul territorio. Aveva il vizio di scodinzolare e di avvicinarsi a chiunque volesse regalarle una carezza. A causa di questa sua abitudine, è stata facilmente avvicinata, legata, presa a badilate e cosparsa di benzina.