Home Cronaca Roma, l’affitto della piazza per lo spaccio frutta 2500 euro a settimana

Roma, l’affitto della piazza per lo spaccio frutta 2500 euro a settimana

CONDIVIDI

Lo spaccio di sostanze stupefacenti si è evoluto, ora le piazze vengono anche date in gestione ad organizzazioni criminali.

Un insospettabile a guardia della droga.

Il guardiano della droga incensurato

Lo spaccio della droga con le sue regole prevede che si abbiano delle aree di competenza, da dove si possono amministrare i traffici illeciti, senza che qualcuno interferisca.

Per questo se a “guardia” della droga si mette un insospettabile, magari un incensurato con problemi finanziari, che è anche un ex dipendente di una società di servizi con appalti al tribunale, si ottiene il guardiano perfetto.

Questo permette ai clan di Roma di evolversi come una grande holding del crimine.

A un insospettabile si possono far custodire cocaina e hashish da spacciare in seguito a San Basilio, quella che viene considerata una delle piazze di spaccio più grandi d’Italia.

Come riferito da Leggo, Salvatore Foschi è l’uomo arrestato dagli agenti di Polizia, il 40enne era stato reclutato dai fratelli Joshua e Jason Bramonti.

Nella sua abitazione aveva destinato una stanza ai clan, e loro vi avevano  installato una cassaforte, ovviamente la combinazione era in mano a due pusher.

Durante l’irruzione la Polizia ha rinvenuto oltre un chilo di cocaina, parte della quale pronta allo smercio in quanto già suddivisa in dosi.

Inoltre in casa hanno trovato quasi due chili di hashish, la droga sul mercato avrebbe assicurato ai criminali duecento mila euro. 

La piazza in affitto

Tutta la droga sequestrata sarebbe servita a rifornire la zona tra via Morrovalle, via Recanati e via Osimo, una sorta di “supermercato” all’aperto dove poter acquistare cocaina e fumo.

La zona era stata rilevata dall’organizzazione che la gestiva per otto ore la mattina.
Per il suo uso pagavano l’affitto ad altri criminali, i quali sono stati arrestati nel corso dell’ultimo blitz della polizia.

In questo modo ognuno ha il suo con gli spacciatori costretti a pagare un affitto per poter vendere la propria merce nelle piazze.

Il commercio prevedeva anche l’uso di vedette pronte a dare l’allarme alla vista della polizia.