Home News Rischio impurità cancerogena: ritiro dei farmaci a rischio da parte della Aifa

Rischio impurità cancerogena: ritiro dei farmaci a rischio da parte della Aifa

CONDIVIDI

C’è un rischio di impurità cancerogena su alcuni farmaci tanto che l’Aifa ne ha richiesto il ritiro dalle principali farmacie. Ecco tutti i dettagli

Rischio impurità cancerogena
Rischio impurità cancerogena

Il rischio di impurità cancerogena su alcuni farmaci non è da sottovalutare, tanto da mandare avanti il ritiro immediato.

Il ritiro dei farmaci da parte dell’Aifa

L’Aifa ha disposto che da alcune farmacie venissero ritirati dei farmaci con principio attivo ranitidina. Questo è un principio attivo che di norma viene utilizzato per prodotti che trattano di problemi gastrici e di acidità.

Il produttore è l’officina Saraca Laboratories Ltd in India e la motivazione base del ritiro è per una impurità che potrebbe portare al cancro.

L’Aifa – Agenzia Italiana del Farmaco – ha quindi deciso che tutte le farmacie italiane dovessero riconsegnare i lotti di farmaci con questo principio attivo. Sotto la lente i prodotti dell’officina sopra citata indiana e la presenza di questa impurezza denominata N-nitrosodimetilammina NDMA che fa parte della classe delle Nitrossamine.

Non è la prima volta, infatti già nel 2018 sono state trovate tracce in alcuni anti – ipertensivi.

La reazione della Unione Europea

Come si evince anche da Tgcom24, la decisione è stata presa come precauzione al fine di non esporre il paziente a dei rischi, con una sostanza potenzialmente dannosa.

I ritiri vengono effettuati anche su lotti prodotti in Italia con lo stesso componente, in attesa di analisi approfondite.

Lo stesso provvedimento viene preso anche dagli altri Paesi dell’Unione Europea ed extraeuropei per farmaci in compresse, sciroppi e soluzioni varie.

Il consiglio che l’Aifa da a tutti i cittadini, in caso di somministrazione, è quello di non sospendere il trattamento nel caso in cui il farmaco sia stato prescritto dal medico e di conttattarlo per un sostituto alternativo a questo in uso.

I lotti ritirati sono 195 e si riportano i seguenti:

– RANITIDINA RATIOPHARM (150 MG E 300 MG)
– RANITIDINA MYLAN GENETICS 150 MG E 300 MG)
– RANIDIL SCIROPPO

– RANITIDINA HEX (150 MG E 300 MG)

– RANITIDINA AUROBINDO ITALIA (150 MG E 300 MG).

– ZANTAC FIALE 5 ML
– ZANTAC COMPRESSE EFFERVESCENTI (150 MG)

– ZANTAC COMPRESSE (150 MG E 300 MG)