Home Personaggi Riccardo Muti, vita, amore e figli: tutto sul celebre maestro d’orchestra

Riccardo Muti, vita, amore e figli: tutto sul celebre maestro d’orchestra

CONDIVIDI

Chi è Riccardo Muti, vediamo insieme tutte le curiosità relative al celebre maestro d’orchestra italiano

Riccardo Muti

Scopriamo insieme tutti i segreti di Riccardo Muti, dall’infanzia alla passione per la musica, dal percorso accademico al successo del noto maestro d’orchestra!

Chi è Riccardo Muti

Nasce a Napoli il 28 luglio del 1941, sotto il segno zodiacale del Leone. Trascorre la sua infanzia a Molfetta, città natale del padre, fino al compimento dei 16 anni, dopo di che torna a Napoli, dove conclude i suoi studi presso il liceo classico Vittorio Emanuele II.

A Napoli si appassiona al pianoforte e si diploma al Conservatorio di San Pietro a Majella. L’interesse principale dell’uomo è rivolto alla filosofia e per questo si iscrive all’Università degli Studi di Napoli, senza però ottenere la laurea.

In questo lasso di tempo esplode la sua vera e propria passione per la musica e comprende quale davvero sia la sua strada. Esordisce presso il Teatro Coccia di Novara, poi a Firenze, come direttore del Maggio Musicale Fiorentino.

Dal 1986 al 2005 è direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano, mentre oggi presta la sua opera presso l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e presso la Chicago Symphony Orchestra.

Vita privata e curiosità

Muti è sposato con Cristina Mazzavillani, che ha incontrato al Conservatorio di Milano. La coppia ha tre figli: Francesco, Chiara e Domenico. Riccardo è inoltre nonno di due splendidi bambini, Riccardo e Gilda.

La mogli Cristina appartiene come lui al mondo della musica. La donna si è diplomata in pianoforte didattico e in canto artistico presso il Conservatorio di Milano.

Riccardo Muti moglie figli

Attualmente è presidente del Ravenna Festival e si è molto impegnata in ambito culturale, riuscendo a ottenere numerosi riconoscimenti.

Negli anni ’90 si è fatta promotrice di molti eventi dedicati ai giovani artisti, con l’intento di dare un nuovo respiro all’opera lirica