Home News Reddito di Cittadinanza, 2980 navigator ma nessuna chiamata di lavoro: italiani nel...

Reddito di Cittadinanza, 2980 navigator ma nessuna chiamata di lavoro: italiani nel caos

CONDIVIDI

Per il reddito di cittadinanza i navigator sono stati scelti ma le chiamate per le offerte di lavoro ancora no. Cosa sta succedendo?

Reddito di Cittadinanza
Reddito di Cittadinanza

Gli italiani sono nel caos con il reddito di cittadinanza, infatti mentre tutto procede per quanto riguarda quote e navigator – non ci sono ancora notizie in merito alle offerte di lavoro.

L’elenco dei navigator per ogni Regione

Dopo tre giorni di test, sono stati pubblicati dal sito di Anpal i 2.980 navigator che saranno di prezioso supporto a tutti i centri per l’impiego che dovranno contattare gli aventi diritto, iniziando così la seconda parte del progetto.

L’elenco dei vincitori è a disposizione sul sito, suddiviso per Regioni e province, evidenziando un -2 sulla provincia di Alessandria che ha ancora due posti a disposizione.

Questi ultimi verranno destinati attingendo direttamente dalle persone che si sono presentate, risultate idonee – senza dover rifare tutto l’iter. Per qualsiasi altra richiesta aggiuntiva dei prossimi giorni, l’Anpal contatterà direttamente le persone.

Le chiamate di lavoro per gli aventi diritto

Ora che i navigator ci sono e sono presenti in ogni Regione, nella giornata di ieri molti italiani si aspettavano la prima chiamata da parte dei centri per l’impiego – che avrebbe dovuto dare il via a tutto il secondo prezioso iter.

Purtroppo la fase due non è scattata, ma la cosa peggiore è che al Sud – come evidenzia il Fatto Quotidiano – ci vorranno tantissimi mesi per contattare tutti i disoccupati.

Le prime convocazioni tra le 120.000 non sono partite e le procedure informatiche non sembrano essere operative, attivando un solo elenco cartaceo con 6.000: è la “denuncia” dell’assessore al Lavoro Lazio Claudio De Bernardino:

“Funziona solo se le persone si presentano spontaneamente”

Non è da meno la Lombardia, dove l’assessore Melania Rizzoli evidenzia:

“siamo in estrema difficoltà, manca tutto”