Home News PMI innovative: ultimi giorni per comunicare il mantenimento dei requisiti

PMI innovative: ultimi giorni per comunicare il mantenimento dei requisiti

CONDIVIDI

Mancano ancora pochi giorni per procedere alla comunicazione dei requisiti delle PMI innovative e Start Up. Si tratta di un presupposto necessario per usufruire delle agevolazioni fiscali.

pmi start up innovative

C’è tempo fino al 30 settembre per depositare la comunicazione di mantenimento dei requisiti.

Sarà la Camera di Commercio ad inviare una PEC alla quale bisognerà rispondere tempestivamente, trasmettendo la comunicazione di conferma dei requisiti di startup e PMI innovative.

PMI innovative: comunicazione requisiti entro il 30 settembre ’20

Il mantenimento dei requisiti per l’iscrizione alla sezione speciale del Registro delle Imprese doveva essere perfezionato entro il 31 luglio 2020, ma il MISE ha concesso ulteriori 60 giorni di tempo per evitare la cancellazione dalla sezione speciale del ReI.

Pertanto, le PMI innovative non rischiano la cancellazione della sezione speciale del ReI fino al momento di avvio del procedimento, che si avvierà entro il 30 settembre.

PMI Innovative: mancato deposito della attestazione di mantenimento dei requisiti abilitanti

La Circolare del MISE specifica che il ravvedimento operoso elimina la sanzione reale della cancellazione, ma non esclude l’applicazione della sanzione pecuniaria per omissione

“di eseguire nei termini prescritti, […] depositi presso il registro delle imprese”. Si va dai 103 euro a 1.032 euro.

PMI innovative: requisiti

Le PMI innovative sono piccole medie imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica, a prescindere dalla data di costituzione e dell’oggetto sociale.

Le PMI innovative devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere meno di 250 dipendenti,
  • avere almeno una sede produttiva o una filiale in Italia,
  • avere un fatturato inferiore a 50 milioni o con attivo patrimoniale inferiore a 43 milioni,
  • avere almeno un bilancio certificato o redatto da un revisore contabile,
  • non essere quotata su un mercato regolamentato,
  • non essere iscritta al registro Startup innovative o incubatore certificato.

Si definisce PMI innovativa l’impresa “minore” che soddisfa almeno due dei tre criteri qui di seguito riportati:

  • titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione Oppure titolare dei diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore,
  • volume spese in ricerca, sviluppo e innovazione maggiore uguale al 3% del maggiore tra costo e valore totale della produzione
  • dipendenti o collaboratori per almeno 1/5 della forza lavoro con almeno i seguenti requisiti maturati anche all’estero (dottorando in ricerca, dottore di ricerca, laureato con almeno tre anni di attività di ricerca certificata presso istituti pubblici o privati).