Home News Pesticidi nelle acque di laghi e fiumi: la situazione peggiora

Pesticidi nelle acque di laghi e fiumi: la situazione peggiora

CONDIVIDI

I fiumi ed i laghi in Italia sono sempre più inquinati da pesticidi. Le nostre acque interne non versano in buone condizioni.

pestcidi

I nostri fiumi e laghi sono sempre più contaminati da pesticidi. L’inquinamento chimico continua a crescere, ma secondo quanto detto letto nell’Annuario dei dati ambientali dell’Ispra, i pesticidi sono molto presenti.

Pesticidi nell’acqua

Avevamo già avuto il dossier di Legambiente che parlava dell’inquinamento delle nostre acque da parte e le notizie specifiche su questo argomento dall’ISPRA sono sconfortanti. Siamo in attesa del report completo sui pesticidi nelle acque, ma già gli attuali dati dovrebbero farci riflettere dato che dal punto di vista del lo stato ecologico, si trovino in buono stato solo il 43% dei fiumi e il 20% dei laghi italiani.

I pesticidi si trovano troviamo pesticidi anche nelle anche profonde, non soltanto in quelle superficiali. La situazione si sta andando aggravando, dato che passiamo dal 67%del 2018 al 77 % attuale delle acque superficiali e il 33% di quelle sotterranee, arrivando al 36% nelle sotterranee.

A parlarne è Pietro Paris, responsabile della sezione sostanze pericolose dell’Ispra e coordinatore del Rapporto nazionale sui pesticidi nelle acque, che è ancora in fase di pubblicazione:

“I dati evidenziano una presenza diffusa della contaminazione da pesticidi. Questo dipende anche dal fatto che i controlli sono migliorati sia in termini di copertura territoriale, sia in termini di sostanze cercate. È ragionevole ipotizzare che con il miglioramento delle indagini, specialmente in certe regioni del centro-sud del Paese, verrà alla luce una contaminazione finora non rilevata”

Inoltre specifica che spesso  le concentrazioni sono basse, al di sotto dei limiti che sono imposti dalle normative. Questo ovviamente non è un giustificativo. Paris ha proseguito dicendo che si dovrebbe pensare a inasprire le norme attuali. I limiti imposti nella direttiva 98/83/CE, prevedevano che questi limiti devono essere rivisti con l’evoluzione teorica e praticava delle analisi e chiederci che siano sufficienti a tutelare la nostra salute. Inoltre ad esser tossico è il mix di varie sostanze che possiamo trovare nelle acque.