Home Cronaca Perugia, giovane mamma muore durante un intervento all’anca: indagati due medici

Perugia, giovane mamma muore durante un intervento all’anca: indagati due medici

CONDIVIDI

Ioana Lingurar era entrata in sala operatoria per un intervento chirurgico di routine, in una clinica privata umbra: Villa Fiorita.

morta giovane mamma operazione

La 28enne lascia due bambini di 5 e 10 anni. È morta nel reparto di rianimazione del Santa Maria della Misericordia di Perugia, dopo essere arrivata già in gravissime condizioni.

L’operazione all’anca, poi il drammatico epilogo

Era entrata in sala operatoria per essere sottoposta ad un intervento di routine all’anca, ma qualcosa non è andato come previsto e Ioana Lingurar, giovane mamma di 28 anni, non ce l’ha fatta.

L’operazione chirurgica, da effettuare in anestesia locale, è costata la vita alla paziente, che lascia orfani due bambini di 5 e 10 anni.

Secondo quanto riferisce La Repubblica, la giovane avrebbe avuto un arresto cardiaco durante la somministrazione dell’anestesia, che ne ha poi scatenati altri, fino al suo decesso.

La 28enne è arrivata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, dove è morta poche ore dopo essere stata trasferita dalla casa di cura “Villa fiorita”, dove era in programma l’operazione cui avrebbe dovuto essere sottoposta.

La tragedia è avvenuta lo scorso venerdì pomeriggio.

Aperta un’indagine: indagati due medici

Sulla morte della giovane mamma la Procura di Perugia ha aperto un’inchiesta. I familiari di Ioana hanno chiesto che venga fatta luce sulla morte della loro congiunta.

Il pm di Perugia ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche sia dell’ospedale di Perugia che di Villa Fiorita.

Intanto nei prossimi giorni è stato fissato l’esame autoptico della 28enne. Come atto dovuto sono stati quindi indagati l’ortopedico e l’anestesista che operavano nella clinica privata dove la 28enne avrebbe dovuto subire l’intervento, che le è poi costato la vita.

L’esame autoptico mira ad accertare se Ioana Lingurar avesse qualche patologia pregressa, non diagnosticata, e quindi l’anestesia possa essere connessa a tutto ciò.

Ipotesi che solo l’analisi della salma potrà accertare.