Home Lifestyle Pensioni, Quota 100 al capolinea: le ipotesi al vaglio del governo

Pensioni, Quota 100 al capolinea: le ipotesi al vaglio del governo

Partito il conto alla rovescia per dire addio al vecchio sistema di pensionamento, si valuta la riforma del sistema pensionistico italiano.

pensioni quota 100

Ecco le proposte più quotate e i possibili scenari dopo l’addio a Quota 100.

Quota 100 al capolinea?

Il sistema pensionistico Quota 100 sembra ormai avere i giorni contati.

Nonostante la conferma dello stesso nella Legge di Bilancio 2021, la formula Quota 100, avviata nel 2019, sta per “scadere”. Dicembre 2021 sarà infatti l’ultimo mese in cui potrebbe restare in vigore questo sistema pensionistico.

Cosa succederà poi? Le ipotesi al vaglio del Governo sono molteplici e l’argomento pensioni resta uno dei più caldi nell’agenda del neo-premier, Mario Draghi.

Sembra che l’attuale esecutivo, guidato dall’ex banchiere, sia a lavoro per dar vita ad un nuovo sistema pensionistico.

Si rende quindi necessario una “rivoluzione” nel campo delle pensioni, per offrire maggiori sostegni a cittadini e lavoratori.

Con l’addio alla formula di Quota 100, il “rischio” è che torni l’accesso alla pensione per l’età di 67 anni, che è definita età pensionabile.

Ipotesi Quota 41

Tra le ipotesi che si fanno strada, quella di Quota 41, che renderebbe possibile l’accesso alla pensione per coloro che abbiano maturato 41 anni di contributi, a prescindere dall’età anagrafica.

Contraria a questa formula è la Corte dei Conti, preoccupata che questa formula di pensionamento possa rivelarsi troppo costosa per le casse italiane.

“Sulla base delle previsioni del prossimo biennio 2022-2023, si evidenzia il rischio di un aumento della spesa previdenziale, ovvero di quei costi sostenuti da parte dello Stato italiano volti alla copertura di tutti gli assegni pensionistici dei cittadini residenti in Italia”

ha spiegato la Corte dei Conti.

La controproposta della Corte è quella di un’uscita anticipata dal lavoro, che si possa ottenere con il raggiungimento della stessa età sia nei casi di regime contributivo puro che di regime retributivo.

Leggi anche –> INPS, pensione posticipata a 71 anni anziché 67: ecco in quali casi succede