Home News Patrick Zaki, la verità dall’avvocato difensore: “Da nove mesi dorme senza materasso...

Patrick Zaki, la verità dall’avvocato difensore: “Da nove mesi dorme senza materasso per terra”

CONDIVIDI

L’avvocato difensore di Patrick Zaki ha avuto l’opportunità di incontrarlo e i dettagli che sono emersi sono preoccupanti sulle condizioni del giovane in cella.

Patrick Zaki, la verità dall'avvocato difensore: "Da nove mesi dorme senza materasso per terra"

Per la prima volta Patrick Zaki ha potuto ricevere la visita del suo avvocato difensore e la donna ha rivelato dei dettagli agghiaccianti sulle sue condizioni in questi nove mesi di carcere.

Le condizioni dello studente in Egitto

L’avvocato difersore Huda Nasrallah ha finalmente incontrato il suo assistito dopo tutti questi mesi di carcere, direttamente presso la Prigione de Il Cairo dove è stato carcerato a febbraio.

L’incontro è stato descritto all’interno della pagina Facebook “Patrick Libero” e riportato da alcuni media nazionali. Secondo quanto emerge lo studente starebbe generalmente in buona salute ma da nove mesi dorme per terra senza un materasso. Per questo ha chiesto la possibilità di avere una pomata e una fascia, al fine di alleviare tutti i dolori che sono emersi alla schiena viste le condizioni in essere.

L’avvocato ha evidenziato:

“È stata una visita generalmente piacevole, sono stati contenti di poter parlare tra loro con il controllo di un agente e lui ha raccontato la sua situazione”

L’avvocato è rimasto molto sorpreso di aver saputo solo durante l’incontro faccia a faccia che l’uomo dall’arresto abbia sempre dormito per terra, fatto non trapelato durante le ore di telefonate che si scambiano.

La reazione dei familiari

Questa condizione è stata saputa dai suoi familiari in serata dopo l’incontro tra Zaki e l’avvocato. FanPage ha contattato in esclusiva la sorella dello studente che ha riferito di aver saputo solo dal legale che il fratello fosse malato.

Gli attivisti sostengono che:

“i genitori sono preocupati percHé non si è mai lamentato sino ad oggi”

Forse per non preoccupare nessuno, arrivando però ad un limite di sopportazione tale da dover raccontare il suo stato e come viene trattato.