Home Politica Il Parlamento europeo prevede una battaglia sul bilancio dell’UE: ecco le cifre...

Il Parlamento europeo prevede una battaglia sul bilancio dell’UE: ecco le cifre fino al 2027

CONDIVIDI

Parlamento europeo minaccia una battaglia sul Bilancio dell’UE di lungo termine.

parlamento europeo

I membri del Parlamento europeo si sono sentiti esclusi dalle trattative “serrate” sul gigantesco Recovery Fund UE. Molto probabilmente rivendicheranno la propria autorità decisionale sul piano di bilancio dell’UE.

Il bilancio comunitario di lungo termine fissa il livello massimo delle risorse per ogni singola voce di spesa dell’Ue, per un periodo di sette anni.

Oltre a delineare un piano finanziario, il bilancio UE di lungo termine stabilisce le priorità di lungo termine dell’Unione.

Guidati dal Presidente del Parlamento David Sassoli, i deputati hanno in programma di dichiarare in una risoluzione di essere pronti a “rifiutare” il loro consenso al bilancio a lungo termine, il quadro finanziario pluriennale (QFP), al quale il rivoluzionario piano di recupero da 750 miliardi di euro è allegato – fino a quando non ottengono un “accordo soddisfacente” su una serie di questioni.

Parlamento europeo: i deputati rivendicano la propria autonomia decisionale

Molti deputati si oppongono ai notevoli tagli ai programmi proposti che facevano parte del pacchetto complessivo di bilancio di 1,82 trilioni di euro approvato martedì mattina dai capi di Stato e di governo in seno al Consiglio europeo.

Molti auspicano anche garanzie più chiare per fermare il flusso di fondi di bilancio verso i paesi che violano lo stato di diritto.

Alcuni chiedono anche maggiore certezza riguardo alle nuove “risorse proprie”: flussi di entrate, come un meccanismo proposto per le frontiere del carbonio o un’imposta digitale, intesi a contribuire a ripagare il debito congiunto assunto dai paesi dell’UE per finanziare il fondo di recupero.

Il rifiuto del consenso al bilancio comunitario di lungo periodo potrebbe essere considerato in gran parte simbolico, dato il forte rischio politico di tentare di bloccare un accordo storico che è stato raggiunto dopo cinque giorni di negoziati dolorosi e senza precedenti da parte dei principali leader europei.

Ciò esporrebbe anche il Parlamento europeo alle accuse di ritardare o fermare un piano progettato per aiutare le economie europee a superare gli effetti devastanti della pandemia di coronavirus.

Un portavoce del Parlamento ha aggiunto che era “chiaro” che il Parlamento europeo

“non avrebbe ritardato il piano di risanamento”.

“Sarebbe ingiustificabile e incomprensibile”,

ha aggiunto il portavoce.

Bilancio UE pluriennale: la necessità di “incassare” il consenso del Parlamento europeo

Tuttavia, i principali leader nazionali e dell’UE, tra cui la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, sono consapevoli della necessità di ottenere il consenso del Parlamento, nonché del suo ruolo nello sviluppo degli atti legislativi necessari per attuare i programmi finanziati dal QFP.

I leader, quindi, considerano seriamente le obiezioni.

“Il Presidente ha incontrato ieri il presidente Sassoli, ha parlato tutto il giorno con gli eurodeputati”,

ha sottolineato un alto funzionario della Commissione durante un briefing per i giornalisti mercoledì.

“Quindi ora siamo molto concentrati sul Parlamento europeo”.

Sia von der Leyen che il presidente del Consiglio europeo Charles Michel dovrebbero partecipare alla sessione plenaria di giovedì in Parlamento per discutere dell’accordo.

I leader dell’UE nelle ultime settimane hanno ripetutamente cercato di dimostrare di rispettare il ruolo del Parlamento nel processo, anche convocando un mini-vertice all’inizio di questo mese con Sassoli e Angela Merkel, che detiene la Presidenza di turno del Consiglio dell’UE.

Il ruolo del Parlamento europeo: l’intervento della von der Leyen

Martedì, durante una conferenza stampa tenuta all’alba per annunciare l’accordo di bilancio di successo, von der Leyen ha sottolineato in modo specifico il ruolo del Parlamento europeo, nonché la questione delle risorse proprie, che sa essere una priorità per molti deputati parlamentari.

“A differenza delle crisi precedenti, questa volta gli Stati membri non hanno optato per un accordo intergovernativo”,

ha affermato von der Leyen.

“Ma hanno affidato la ripresa della Commissione europea in Europa. Gestiremo insieme un totale di 1,8 trilioni di euro.

La maggior parte del denaro verrà incanalata attraverso i programmi in cui è coinvolto il Parlamento europeo”.