Home Cronaca Palermo, rissa all’uscita della discoteca: ventenne ucciso a coltellate

Palermo, rissa all’uscita della discoteca: ventenne ucciso a coltellate

CONDIVIDI

Dramma nella notte a Palermo: un ragazzo, appena ventenne, è stato ucciso a coltellate, durante una rissa all’uscita della discoteca.

rissa discoteca palermo

Rissa alla discoteca Millenium di Palermo: ventenne ucciso. Sul caso indagano i carabinieri.

Rissa all’uscita della discoteca di Palermo

Tragedia nella notte a Palermo. Durante una rissa all’uscita dalla discoteca, un ventenne è stato accoltellato a morte.

Ad uccidere Paolo La Rosa, questo il nome della vittima, diverse coltellate inferte al collo e all’addome. Come riporta anche Tgcom24, il ragazzo era appena uscito dalla discoteca Millennium di Terrasini, periferia di Palermo.

Una violenta rissa, le cui motivazioni sono ancora da accertare, sarebbe scoppiata all’esterno del locale. Il ragazzo, coinvolto nella colluttazione, è stato raggiunto da alcune coltellate. Ferite mortali che non gli hanno lasciato scampo: il cuore di Paolo La Rosa ha smesso di battere, mentre l’ambulanza lo trasportava all’ospedale di Partinico.

Le immagini delle telecamere

I carabinieri indagano per scoprire le motivazioni che hanno scatenato la violenta rissa, provocando la morte di un ragazzo appena ventenne. 

Il papà di Paolo, molto conosciuto in città, è il proprietario del ristorante Grace di Cinisi. Nell’area antistante la discoteca sono presenti diversi sistemi di videosorveglianza. Le forze dell’ordine, in queste ore, stanno passando in rassegna tutti i video delle telecamere, per cercare di risalire agli autori del pestaggio, macchiatisi di omicidio.

L’aggressione è scattata verso le 3:30 della notte scorsa, proprio all’uscita del Millennium. I Carabinieri indagano soprattutto tra le amicizie della vittima, per accertare chi fosse presente al momento dell’aggressione e soprattutto per individuare eventuali testimoni.

Il sindaco di Terrasini ha pubblicato sulla sua pagina facebook un post intriso di rabbia e commozione per la morte assurda di un giovane concittadino.

“Mi sento affranto, da padre, da cittadino e da rappresentante delle Istituzioni”

sono le parole del primo cittadino di Terrasini, Giosuè Maniaci. Intanto, in città si è deciso di annullare tutti gli eventi previsti per oggi, in segno di lutto.