Home Casi Omicidio Rosina Carsetti, chiesti i domiciliari per Enrico Orazi: “Ruolo marginale nel...

Omicidio Rosina Carsetti, chiesti i domiciliari per Enrico Orazi: “Ruolo marginale nel delitto”

CONDIVIDI

Il Procuratore ha intanto annunciato che ci sono prove sufficienti per andare a processo, anche senza una confessione.

chiesti domiciliari marito Rosina Carsetti

Al momento in carcere restano il nipote Enea Simonetti e la figlia della vittima, Arianna Orazi.

L’omicidio di Rosina Carsetti

Sono ormai note le tragiche sequenze di eventi che hanno portato alla morte di Rosina Carsetti, la 78enne di Montecassiano trovata morta nella sua abitazione la sera della vigilia di Natale.

I familiari della donna, figlia, nipote e marito, avevano raccontato agli inquirenti dell’irruzione di un ladro, che aveva ucciso l’anziana donna.

Una tesi che sin da subito è stata scartata dagli inquirenti, per via dei lacunosi acconti di Enea ed Arianna, e per la mancanza di segni di effrazione, nella villetta di Montecassiano.

La scorsa settimana Arianna Orazi ed Enea Simonetti, rispettivamente figlia e nipote della vittima, sono stati arrestati con l’accusa di omicidio in concorso premeditato e pluriaggravato dalla minorata difesa della vittima.

Rosina venne strangolata e pestata: la donna aveva 14 costole rotte.

Gli inquirenti hanno ricostruito quel drammatico pomeriggio del 24 dicembre scorso: a compiere il delitto sarebbe stato il nipote Enea, ma ad architettare tutto sarebbe stata Arianna.

La donna da tempo covava un odio viscerale verso la madre, tanto da decidere di ucciderla, simulando un furto in casa.

Chiesti i domiciliari per Enrico Orazi

Nella giornata di venerdì, sono stati chiesti gli arresti domiciliari per Enrico Orazi.

Il 79enne, marito della vittima, ha continuato ad andare a lavorare nel suo negozio di autoricambi a Macerata.

La procura ha impugnato la decisione del giudice, che aveva lasciato a piede libero il 79enne, ed ha chiesto che fosse applicata per lui la misura degli arresti domiciliari o quella dell’obbligo di firma.

Enrico Orazi non ha fatto nulla per impedire l’omicidio della moglie, ma nel delitto avrebbe avuto un ruolo marginale.