Home News Inquinamento, Olanda riduce la velocità in autostrada a 100 km/h

Inquinamento, Olanda riduce la velocità in autostrada a 100 km/h

CONDIVIDI

In Olanda lotta contro l’inquinamento dal 1° gennaio dalle 6 alle 19, per far fronte al superamento dei limiti degli ossidi d’azoto di ben 4 volte, si riduce la velocità

Inquinamento
Inquinamento

In Olanda si vive un problema d’inquinamento molto alto, del tutto simile a quello che abbiamo in Pianura Padana. Per questo è possibile che dal 1° gennaio, il limite di velocità in autostrada potrebbe scendere a 100 chilometri all’ora. Questa misura si ritrova nel piano per far fronte all’inquinamento. Il limite sarà in vigore dalle 6 alle 19, mentre nelle ore non coperte, il limite resterà a 130 km/h. Il provvedimento mira a far scendere gli ossidi di azoto(NOx), oltre ad agire sulle attività agricole e nell’allevamento.

Il NOx e gl’effetti sulla salute

In Olanda il NOx che vengono emessi in particolar modo dai gas di scarico degli autoveicoli, superano di 4 volte i limiti fissati dall’Unione europea. Abbiamo una situazione simile in Pianura Padana. L’Unione Europea ha fissato come limiti di non superare durante l’anno la media di 40 microgrammi per metro cubo (μg/m³) di aria, oltre a prevedere che non si superi questo limite, per più di 18 giorni in un anno il picco massimo di 200 μg/m³ in un’ora. Il sistema di monitoraggio dell’atmosfera Copernicus, registra questi dati ora per ora.

Il NOx ha dei pesanti effetti sulla salute. Secondo il ministero della Salute italiano, il traffico veicolare è il principale produttore di NOx. Altre fonti di produzione sono

“gli impianti di riscaldamento civili e industriali, le centrali per la produzione di energia e un ampio spettro di processi industriali”

Il biossido d’azoto è un inquinante che è ad ampia diffusione, agendo direttamente sulla salute umana, soprattutto agendo unito al monossido di azoto. Uniti danno vita a fenomeni di smog fotochimico, che portano alla formazione d’inquinanti secondari come l’ozono troposferico e il particolato fine secondario, oltre a creare eutrofizzazione e delle piogge acide.