Home Politica Nuovo Dcpm valido 30 giorni, firmato nella notte da Giuseppe Conte: quali...

Nuovo Dcpm valido 30 giorni, firmato nella notte da Giuseppe Conte: quali sono le misure

CONDIVIDI

Nella notte è stato firmato il nuovo Dcpm dopo una lunga riunione con Giuseppe Conte. Ecco quali sono le misure.

Nuovo Dcpm valido 30 giorni, firmato nella notte da Giuseppe Conte: quali sono le misure

È stato firmato nella notte il nuovo Dcpm da parte del Governo che valida nuove misure con validità di 30 giorni.

Le nuove misure valide 30 giorni

Sono state confermate tutte le nuove misure questa notte dopo la firma di Giuseppe Conte, con validità 30 giorni a partire da oggi con regole anti contagio.

Gli sport di contatto – calcetto o basket per esempio – dovranno essere sospesi se a livello amatoriale. Anche le gite scolastiche vengono sospese insieme ai gemellaggi o attività didattiche che prevedono una uscita dalla sede, nonchè vietata la sosta davanti ai locali dopo le ore 21.

Anche in casa le regole sono ferree e infatti non ci potranno essere più di sei persone e con la mascherina. L’articolo 1 evidenzia:

“obbligo su tutto il territorio nazionale di avere con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso e in tutti i luoghi all’aperto”

Da questi obblighi vengono esclusi i bambini sotto i sei anni, chi pratica attività sportiva e tutti i soggetti che presentano patologie o disabilità che sono incompatibili con l’utilizzo della mascherina.

Discoteche, sale da ballo sono chiuse mentre fiere e congressi restano aperti. Tutte le feste in luoghi al chiuse o aperto sono sospese e vietate, mantenendo attive tutte le cerimonie civili e religiose (matrimoni) seppur seguendo uno stretto protocollo anti covid. Le feste che seguono la celebrazione si possono svolgere ma non devono mai superare i 30 invitati.

Per cinema e concerti resta attivo il limite di 200 persone al chiuso e 1000 all’aperto con distanza di sicurezza. Le Regioni possono stabilire diverso numero di spettatori a seconda delle dimensioni del luogo che ospita l’evento.

Negli stadi e palazzetti è consentito un pubblico pari al 15% rispetto alla capienza totale. Restano vietate tutte le gare e competizioni sportive amatoriali.

Per tutte le informazioni e i dettagli in merito, consultare il sito ufficiale del Governo italiano.