Home Cronaca Napoli, 4 minorenni protagonisti di un video a luci rosse. Il filmato...

Napoli, 4 minorenni protagonisti di un video a luci rosse. Il filmato diventa virale.

CONDIVIDI

Napoli, protagonisti di un video a luci rosse, quattro minorenni. Il filmato fa il giro di tutte le chat di Napoli, diventa virale

Napoli sesso bamnini

Protagonisti di un video a  luci rosse, quattro piccoli minorenni di Napoli, tra i 10 e i 13 anni. I quattro ragazzini, sono stati ripresi mentre consumavano un rapporto sessuale con una bambina, più o meno della loro età. I quattro consumano il rapporto in pieno giorno in un luogo aperto. 

Il contenuto del video è raccapricciante, ed è di natura pedo-pornografica. Il filmato, purtroppo, è arrivato su tantissime chat di Napoli, diventando man mano, un video virale.

A rendere noto il contenuto del video, è stato proprio il consigliere Francesco Emilio Borrelli, che ha portato il materiale alla polizia postale denunciando l’accaduto. Un video che in pochissimo tempo, si è trovato sul web, davanti agli occhi di milioni di persone. Il consigliere ha ricevuto il video, da un utente anonimo, che denunciava la diffusione di questo materiale pedo-pornografico, invitando a porre fine alla facile diffusione di questi video. Il consigliere, quindi, ha pensato di denunciare e portare il contenuto alla polizia Postale:

 “affinché si risalga ad autori e protagonisti del video e alle loro famiglie, cui deve essere immediatamente tolta la potestà genitoriale”.

Il consigliere aggiunge:

“Sono scene raccapriccianti e purtroppo tutti i protagonisti sembrano assolutamente consenzienti e non in grado di comprendere i problemi cui andranno incontro attraverso la diffusione del video dove, ad eccezione di quello che riprende, sono tutti perfettamente riconoscibili”.

conclude dicendo:

“Abbiamo già vissuto vicende drammatiche legate alla diffusione di video pornografici con vite spezzate dalla vergogna di essere mostrate in pubblico senza ritegno e umanità. Facciamo presto per togliere questo video on line prima che a pagarne le pesanti conseguenze siano quattro bambini”.