Home News Morto Stefano d’Orazio, storico batterista dei Pooh: “Addio amico per sempre”

Morto Stefano d’Orazio, storico batterista dei Pooh: “Addio amico per sempre”

CONDIVIDI

L’annuncio in diretta tv a Tale e Quale show, in onda su Raiuno. Il ricordo commosso dei compagni di viaggio.

morto stefano d'orazio

Il musicista si è spento all’età di 72 anni.

Morto Stefano d’Orazio

Si è spento all’età di 72 anni Stefano d’Orazio, storico batterista dei Pooh. L’annuncio è stato dato su Twitter dall’amico Bobo Craxi, poi confermato in diretta a Tale e Quale show da Loretta Goggi.

Il musicista era ricoverato da una settimana in ospedale.

“Per rispetto non ne avevamo mai parlato. Oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando, poi la terribile notizia”

ha scritto su Facebook, Roby Facchinetti.

“Il covid ha colpito ancora” ha annunciato la Goggi in diretta. Lo storico batterista sarebbe quindi morto dopo essere risultato positivo al coronavirus. Un peggioramento improvviso delle sue condizioni, in un quadro clinico aggravato da patologie pregresse, che non gli ha lasciato scampo.

La carriera artistica e l’amore per i musical

Stefano D’Orazio non era solo l’indimenticato batterista dei Pooh dal 1971,dopo l’abbandono di Valerio Negrini, che aveva preferito la carriera da autore, dietro le quinte.

D’Orazio si occupava anche della parte finanziaria e manageriale della band. Un amico amato da tutti gli altri componenti dello storico gruppo, Red Canzian, Roby Facchinetti e Dodi Battaglia.

Nel settembre del 2009, aveva deciso di mollare la batteria e dedicarsi alla sua attività di imprenditore musicale.

“Un giorno mi sono reso conto che la favola con i miei colleghi che durava da tanti anni era finita”

aveva raccontato in un’intervista, poco dopo aver deciso di lasciare il gruppo.

D’Orazio, però, non ha mai mollato davvero i Pooh. Ne è la prova l’ultimo singolo, Rinascerò Rinascerai, scritto lo scorso mese di marzo insieme a Roby Facchinetti. I proventi della vendita sono stati destinati all’Ospedale papa Giovanni XXIII di Bergamo. 

Lo storico batterista ha avuto due lunghe storie d’amore con Emanuela Folliero e Lena Biolcati, poi nel 2017 si è unito in matrimonio con Tiziana Giardoni, 22 anni più giovane.

“Ciao Stefano, nostro amico per sempre”,

è il saluto commosso di Facchinetti, Canzian, Fogli e Battaglia.