Home Cronaca Milano, 30enne aggredita in pieno centro: è caccia all’uomo

Milano, 30enne aggredita in pieno centro: è caccia all’uomo

CONDIVIDI

Aggressione nella notte nella centralissima zona accanto al Duomo di Milano, la vittima è riuscita a fuggire ed a dare l’allarme.

Donna aggredita in centro a Milano
Fonte: iStock

Sul posto sono arrivate le forze dell’ordine ed attualmente sono in corso le ricerche dell’uomo che ha aggredito la 30enne senza fissa dimora.

Aggressione in pieno centro a Milano

La terribile vicenda si è svolta nella notte nella zona del centro storico di Milano.

Una donna che attualmente vive senza fissa dimora è stata aggredita in via Tommaso Marino, una via centralissima, sita tra il Duomo e la piazza del Teatro La Scala.

La giovane di origini albanesi ha subito un’aggressione inaspettata intorno alle 4 della mattina del 6 febbraio ma fortunatamente è riuscita a sottrarsi al suo aguzzino ed è fuggita.

Dopo aver raggiunto il suo compagno ha dato l’allarme ed i due hanno contattato le forze dell’ordine raccontando ogni cosa.

Sul posto sono giunti immediatamente i sanitari del 118 per assicurarsi delle condizioni della donna e la Polizia Locale che ha raccolto la testimonianza su quanto accaduto.

È caccia all’uomo: si punta alle immagini delle telecamere

Sono stati proprio gli agenti del Comando Decentrato 1 coadiuvati dal Nucleo Tutela Donne e Minori a dare il via alle indagini in seguito alla denuncia del fatto.

Per le vie del capoluogo meneghino è infatti scattata una vera e propria caccia all’uomo come riporta anche Fanpange.

La dinamica presenta ancora molti punti da chiarire ed è per tale motivo che gli inquirenti stanno provvedendo in queste ore all’acquisizione dei filmati delle videocamere di sorveglianza della zona.

Essendo una zona centrale è molto conosciuta e frequentata ma l’orario in cui è avvenuta l’aggressione rende la possibilità di trovare testimoni più difficile.

I filmati potrebbero dunque essere molto utili: l’aggressore è stato ripreso?

Nelle prossime ore sono dunque attesi ulteriori sviluppi sulla vicenda e si spera di giungere all’identità dell’aggressore.