Home Lifestyle Mettete una bustina di Tè nel WC: ciò che succede vi lascerà...

Mettete una bustina di Tè nel WC: ciò che succede vi lascerà senza parole

CONDIVIDI

Un tutorial che ha fatto subito il giro del mondo. Basta una semplice bustina di tè per rendere la vostra casa più bella e pulita.

Vi siete mai chiesti a cos’altro serve il Tè? Non è una bevanda come tutta le altre il tè. Ci sono utilizzi, oltre quello culinario, che lasciano a bocca aperta. Uno di questi è senz’altro quello che vi riveleremo oggi.

Tè nel WC, gli utilizzi

Si tratta di un rimedio casalingo, uno di quelli della nonna per intenderci, che però rende un risultato pari a quello ottenuto con agenti chimici. La bustina della nota bevanda può essere impiegata per esempio anche per la pulizia del gabinetto. L’avete mai usata per questo scopo? Ecco come si fa.

Come usare il te per la pulizia del water

Molte persone, prima di andare a letto, sono solite mettere una bustina di tè all’interno del water. Ma perché? Questa bevanda vi può aiutare a mantenere in ottime condizioni il bagno, un ambiente che va sempre tenuto sano e perfettamente pulito.

La bustina della storica bevanda va lasciata in posa tutta la notte per eliminare tutti gli odori più sgradevoli. Non c’è alcun fondamento chimo-scientifico, ma è un’usanza che diverse famiglie adottano da secoli. In fondo, provare non costa nulla.

Altri utilizzi di questa bevanda secolare

Queste bustine si possono ovviamente usare anche per eliminare i cattivi odori che si diffondono in cucina soprattutto quando si cucina del fritto o degli alimenti dagli odori persistenti. Basterà strofinare una bustina sulle vostre dita per togliere qualsiasi odore residuo.

C’è chi la utilizza come deodorante per l’ambiente o per il frigo e chi la mette nei cassetti per lasciare sugli abiti un odore più gradevole. È un ottimo sgrassatore, infatti da anni le casalinghe la impiegano anche come additivo per i piatti molto sporchi.

Anche per i vetri si può utilizzare vi basterà creare una soluzione in un nebulizzatore. Insomma, non vi resta che mettervi all’opera!