Home Casi Mauro Pamiro, nuovi dettagli sulla morte del professore di Crema

Mauro Pamiro, nuovi dettagli sulla morte del professore di Crema

CONDIVIDI

La morte di Mauro Pamiro è un giallo e ora ci sono nuovi elementi che possono far pensare ad una setta spirituale.

Mauro Pamiro, nuovi dettagli sulla morte del professore di Crema

È un giallo nel giallo la morte del professore di informatica Mauro Pamiro: spunta la pista della possibile appartenza ad una setta?

I nuovi dettagli sulla morte del professore

Come riportato da Corriere della Sera, la morte del professore si tinge di giallo con nuovi dettagli. Tra le varie piste che stanno seguendo gli inquirenti ci sarebbe anche quella della meditazione trascendentale, al fine di poter dare una spiegazione a questa morte misteriosa.

L’uomo è stato trovato il 29 giugno in un cantiere – a 200 metri dalla sua abitazione – senza scarpe e senza cellulare. Come prima ipotesi è stato menzionato il suicidio ma ora sembra che dietro che possa essere ben altro. Come atto dovuto la moglie è stata iscritta nel Registro degli indagati e ora si trova presso il Reparto Psichiatria dell’Ospedale Maggiore e il suo interrogatorio è stato rimandato.

Sembra che la coppia frequentasse un gruppo che avesse a che fare con la scienza spirituale. Come si evince dai primi risultati dell’autopsia, l’uomo è morto a causa delle lesioni interne procurate dalla caduta nel vuoto e dal foro trovato in mezzo alla fronte (una ecoriazione). Si attendono ora gli esami tossicologici che potrebbero dare nuove risposte.

Come si evince sempre dal quotidiano, il giorno dopo la morte dell’uomo, gli inquirenti hanno trovato nel cimitero il cd del professore con un ultimo brano inciso nel mese di marzo “A Last Embrace! (ultimo abbraccio). Un’amica del professore ha sottolineato che il testo fosse triste, con dedica ad una donna definita:

“la più dolce regina del Paese delle meraviglie”

L’avvocato dei genitori del professore – Vittorio Meanti – ha commentato:

“né io né la mia collega crediamo al suicidio. abbiamo piena fiducia degli inquirenti”