Home Politica Mattino 5, Matteo Salvini sui migranti: “Si salvano e si riportano in...

Mattino 5, Matteo Salvini sui migranti: “Si salvano e si riportano in Libia”

CONDIVIDI

A Mattino 5, il Vice Premier Matteo Salvini ritorna a parlare della questione dei migranti, sottolineando ancora una volta che i porti Italiani sono chiusi agli sbarchi, e che dunque non autorizzerà ai barconi o alle Ong l’accesso ai porti Italiani. Ecco Che cosa ha dichiarato.

Matteo Salvini: “Si salvano e si riportano in Libia”

Questo è quanto dichiarato dal Ministro dell Interno, Matteo Salvini, il quale è ritornato a parlare del fenomeno degli sbarchi dei migranti nei porti Italiani a Mattino 5, dove ha sottolineato che oltre ai porti chiusi, per salvare realmente i migranti, bisogna riportarli indietro affinchè venga posto un punto di fine il buisness degli scafisti, i quali attuano i cosiddetti “viaggi della speranza”, i quali spiega Salvini, “non hanno futuro”. Ecco che cosa ha dichiarato:

 “I migranti si salvano, come ha fatto la guardia costiera libica, e si riportano indietro così la gente smetterà di pagare gli scafisti per un viaggio che non ha futuro, perché finisce o con la morte o con un’esistenza per le strade italiane”

poi prosegue:

“Più persone partono più persone muoiono. Chi vuole bene all’Africa fa di tutto perché non partano”

Matteo Salvini Contro la Francia: “La Francia non ha alcun interesse a stabilizzare la situazione”

Il Vice Premier Matteo Salvini, ritorna poi a parlare della polemica con la Francia,  da cui ne è conseguita la convocazione dell’ambasciatrice Italiana da parte dello stato Francese. Salvini asserisce che la Francia non abbia “alcun interesse a stabilizzare la situazione” in quanto, come altri stati “sottraggono ricchezze all’Africa”.

Infine, sempre riferendosi alla Francia aggiunge che, questa avrebbe “poco da arrabbiarsi perché ha respinto migliaia di migranti, comprese donne e bambini, alla frontiera”. Concludendo affermando di non accettare dal Presidente francese Macron “lezioni di umanità e generosità”.