Home Spettacolo Massimo Ranieri confessa l’amore nascosto da sempre: la verità dopo anni

Massimo Ranieri confessa l’amore nascosto da sempre: la verità dopo anni

CONDIVIDI

Il cantante ha ammesso dopo anni di avere un grande amore che è rimasto segreto a lungo. Massimo Ranieri finalmente rivela la verità.

Massimo Ranieri, spunta il suo amore segreto

Massimo Ranieri è uno degli artisti più amati del panorama musicale italiano. L’artista partenopeo, infatti, ha venduto milioni di dischi in Italia e le sue canzoni sono ancora presenti, in maniera indelebile, nel cuore dei suoi fan.

L’artista ha rivelato di avere un grande amore che non si è cancellato dal suo cuore. Ma di chi parla? I suoi seguaci si sono incuriositi e si sono chiesti se, magari, nel corso della sua carriera abbia avuto un amore non corrisposto.

Massimo Ranieri, un amore dentro al cuore

Una vera e propria dichiarazione d’amore quella di Massimo Ranieri. Parole che ovviamente non potevano passare inosservate.

Cara Anna, non finirò mai di ringraziarti per tutto quello che mi hai insegnato. Per sempre nel mio cuore”.

Di chi Anna parla Massimo?

Non si tratta di una fiamma del passato, bensì di un omaggio a una grande attrice del cinema italiano.

Il cantante partenopeo, infatti, si riferisce ad Anna Magnani, con la quale ha lavorato in La sciantosa, che ha permesso loro di farsi conoscere dal pubblico romano.

La dedica l’ha pubblicata lo stesso Ranieri sulla sua pagina ufficiale di Facebook. Un modo per ricordarla e per ringraziarla per tutto l’aiuto che ha ricevuto dalla donna, un’attrice con la A maiuscola.

Massimo, tra canto e recitazione

Prima di diventare il grande artista che è oggi, Massimo Ranieri ha portato avanti una dura gavetta, fatta di lavori umili e semplici, che gli permettevano di portare avanti la sua passione, il canto.

Nato da una famiglia molto numerosa, doveva contribuire a mantenerla, pertanto, si dedicava alla musica appena poteva. Un giorno, come lui stesso ha riferito, un discografico lo notò e ne apprezzò la vocalità.

Un discografico mi notò, mi propose di incidere un disco e mi offrì un anticipo di 200 mila lire. Nessuno in famiglia aveva mai visto una cifra simile“.

Un investimento che ha sicuramente dato degli ottimi frutti.