Home Cronaca Marito ubriaco la picchia, lei scende dall’auto in corsa: soccorsa dal casellante...

Marito ubriaco la picchia, lei scende dall’auto in corsa: soccorsa dal casellante dell’autostrada

CONDIVIDI

La donna ha cercato di mettersi in salvo dalle botte del coniuge ed è scesa dall’auto. La vicenda è accaduta la scorsa domenica a Silea, Treviso.

fugge auto in corsa

La coppia, 45 anni lui, 43 lei, è di origini padovane. La vittima delle violenze, dopo essere stata soccorsa, è stata quindi allontanata da casa ed affidata ad una struttura protetta.

Donna si lancia dall’auto in corsa

Era stata violentemente picchiata durante il viaggio in auto, così, temendo per la sua vita, ha cercato di liberarsi da quella trappola.

L’unico modo per farlo è stato saltare dall’auto in corsa, in cui era vittima delle angherie del marito.

È quanto accaduto la scorsa domenica a Silea, in provincia di Treviso, sull’autostrada A27 Treviso-Belluno, al casello di Treviso Nord.

Una donna di 43 anni è letteralmente saltata dall’auto in corsa, quando la vettura ha rallentato nei pressi del casello autostradale.

A soccorrerla, nell’immediato, è stato il casellante che ha quindi allertato un’ambulanza e le forze dell’ordine.

La donna, di origini padovane, come il marito, ha raccontato che l’uomo, completamente ubriaco, l’aveva picchiata mentre si trovava in auto con lui.

Affidata ad una struttura protetta

Come riferisce anche Leggo, la 43enne è stata quindi soccorsa e medicata dai sanitari, che le hanno riscontrati diversi ematomi sul volto e sul corpo.

Dopodiché sono stati avviati i dovuti controlli da parte delle forze dell’ordine e la vittima delle violenze è stata affidata ad una struttura protetta.

Non è chiaro se la donna abbia denunciato il marito violento, o se, come capita di sovente, abbia rinunciato a farlo per paura di eventuali ripercussioni.

Come rivela un sondaggio dell’Agenzia Ue per i diritti fondamentali, in Italia il 70% delle donne che hanno subìto molestie negli ultimi cinque anni non ha denunciato.

Il nostro Paese, inoltre, è anche quello in cui meno donne intervistate hanno ammesso di aver subìto violenza nell’ultimo cinquennio.