Home Spettacolo Marina Ripa di Meana, le ultime parole alla figlia: “Non posso morire...

Marina Ripa di Meana, le ultime parole alla figlia: “Non posso morire ho ancora troppo da fare”

CONDIVIDI

Marina Ripa di Meana viene ricordata attraverso il racconto della figlia Lucrezia, in esclusiva per “Verissimo”.

lucrezia lante e marina ripa di meana

Lucrezia Lante della Rovere si confida con Silvia Toffanin raccontando anche gli ultimi momenti di sua mamma, Marina Ripa di Meana.

Lucrezia ospite a Verissimo

Lucrezia Lante della Rovere è l’amata figlia della compianta Marina Ripa di Meana, scomparsa a seguito di una grave malattia. Attrice affermata, moglie di Luca Barbareschi, mamma e nonna si racconta ai microfoni di “Verissimo” in veste esclusiva parlando proprio della sua mamma così eccentrica ma tanto speciale.

Marina ha combattuto con il cancro per sedici anni, cercando di non farsi travolgere dalla malattia e andando avanti con la propria vita in maniera dignitosa. Lucrezia racconta alla Toffanin numerosi aneddoti divertenti, dichiarando che proprio negli ultimi anni il loro rapporto era diventato molto forte: oggi, camminando per i boschi sente la sua presenza e quella risata inconfondibile – indimenticabile.

Lucrezia racconta la mamma

Durante la toccante intervista, Lucrezia ha voluto condividere un ricordo molto privato legato alla sua mamma:

” questo cancro mi sta consumando ma io non posso morire”

Era la frase che Marina ripeteva spesso, andando in giro per casa con una gonna svolazzante e appuntando tutte le cose che ancora avrebbe dovuto fare. Non solo: gli ultimi giorni della sua vita, la mamma di Lucrezia non ha mai rinunciato alla sua bellezza ed eleganza, tanto al suo ultimo Natale si fece pettinare – truccare e vestire con abito da gran Galà accessoriato da scarpe con tacco vertiginoso, per poi lasciare questo mondo il successivo 5 gennaio.

Nonostante il rapporto non sia sempre stato facile, oggi l’attrice vorrebbe condividere ancora i suoi successi professionali e personali con lei, come – per esempio – il fatto che diventerà nonna per la seconda volta (sapendo che sua madre ne sarebbe rimasta entusiasta).