Home Spettacolo Mara Venier distrutta ‘Ormai non servo più’: parole pesanti come macigni

Mara Venier distrutta ‘Ormai non servo più’: parole pesanti come macigni

CONDIVIDI

Delle parole che hanno ferito moltissimo Mara Venier. La conduttrice ha rivelato in diretta che alla sua età ormai è da ritenersi inutile.

“Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese”. Queste le parole che hanno fatto star male Mara Venier, che si è sentita improduttiva, proprio come quelle persone alle quali questa frase è stata rivolta.

Mara Venier le parole pesano come macigni

Anche se Giovanni Toti ha rettificato il suo messaggio, ha lasciato un segno nella “zia” nazionale e in altri ospiti della signora di Domenica In. Ecco cosa è successo.

Mara Venier, parole che pesano come un macigno

Da Mara Venier, a Domenica In, è stata ospite Giovanna Botteri. In studio si è parlato, come di consueto, di emergenza COVID-19 e di come sia difficile andare avanti in questo delicato momento storico.

In questo discorso, si è posta particolare attenzione agli anziani, fascia più debole della popolazione, nella quale Mara si identifica, visto che – da poco – ha compiuto 70 anni.

Mara: “Non servo più”

Da qui, si è parlato delle parole di Giovanni Toti, leader di Cambiamo! che, qualche giorno fa, si è rivolto agli anziani con parole che hanno fatto discutere e non poco.

“Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese”, queste le parole del politico ligure che sono rimaste impresse nella mente della Venier.

So vecchia, non servo più. Le parole sono macigni“, così ha commentato la signora di Domenica In. 

In studio, inoltre, sulla questione è intervenuto anche Massimo Boldi che ha parlato con Mara della questione Coronavirus, nonché del suo nuovo cinepanettone, realizzato con Christian De Sica per le festività 2020, nonostante ci sia una pandemia in corso.

In studio, inoltre, si è discusso anche della recente morte di Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh, in compagnia di Red Canzian, che lo ha definito il “fratello che non ha mai avuto”.