Home News Mali, liberi Nicola Chiacchio e padre Maccalli dopo due anni di sequestro

Mali, liberi Nicola Chiacchio e padre Maccalli dopo due anni di sequestro

CONDIVIDI

Dopo due anni di sequestro a Mali, padre Maccalli e Nicola Chiacchio sono stati finalmente liberati.

Mali, liberi Nicola Chiaccio e padre Maccalli dopo due anni di sequestro

Padre Maccalli era stato rapito due anni fa a Mali insieme ad un turista, Chiacchio: finalmente dopo mesi sono stati liberati.

La liberazione di Maccalli e Chiaccio

Dopo mesi di trattativa è finita la brutta avventura per padre Maccalli e il turista Nicola Chiacchio. Rapiti e portati in qualche zona del Sahel, sono stati per tutto questo tempo nelle mani dei gruppi jihadisti di Al Quaeda.

Come racconta anche il Corriere, per liberare queste persone è avvenuto uno scambio di prigionieri. Il prezzo da pagare è stato di 200 militari islamici catturati da Bamako oggi di nuovo in libertà. Lo scambio è avvenuto sotto la stretta supervisione e partecipazioni delle autorità del posto insieme ai militari francesi che sono attivi in questa zona di guerra.

I comunicati che sono in possesso dei media sino a poche ore fa hanno evidenziato che sarebbero 4 le persone rilasciate dai sequestratori. Oltre ai due sopra menzionati, c’è Sophie Petronin – operatrice umanitaria francese – è stata rapita nel 2016 e Soumalla Cisse – ex ministro maliano.

Le fonti collegano questi rapimenti al un gruppo legato ad Al Queda specializzati in sequestro di persone straniere. Tra le loro mani altri cinque ostaggi ovvvero un medico australiano, una suora, una donna svizzera e una donna colombiana.

La vicenda di padre Maccalli

Questa vicenda ha sollevato non pochi quesiti qui in Italia. Maccalli è nato nel 1961 e si è formato a Crema per poi partire come missionario cattolico in Africa, toccando varie zone. I suoi collaboratori hanno subito evidenziato che il gruppo di sequestratori sapeva benissimo del suo rientro dall’Italia dopo una breve vacanza.

Le speranze della sua liberazione ci sono state in primis ad Aprile quando Avvenire ha mostrato un video di lui e Chiacchio fortemente dimagriti, con barba lunga e abiti locali.