Home News Lenticchie a Capodanno: tradizione ed origine storica dei legumi portafortuna!

Lenticchie a Capodanno: tradizione ed origine storica dei legumi portafortuna!

CONDIVIDI

Perché sulla nostra tavola a Capodanno non possono mancare le lenticchie? La storia della tradizione più diffusa al mondo

Lenticchie a Capodanno

Il cenone di Capodanno è in arrivo e tutti sanno che le lenticchie sono tra gli elementi imprescindibili, ma perché si utilizzano e cosa significa questa tradizione?

Capodanno di festa anche a tavola

La notte a cavallo tra il 31 dicembre ed il 1 gennaio viene festeggiata in quasi tutto il mondo.

La tradizione risale a tempi antichi quando venne introdotto nel Calendario Giuliano la data del 1 gennaio come inizio del nuovo anno e venne poi mantenuto nel calendario Gregoriano quello che utilizziamo oggi.

Molte sono le tradizioni legate a questa notte, tutte volte a propiziarsi un nuovo anno felice e pieno di abbondanza.

Tra queste una in particolare è apprezzata ovunque e noi ti diciamo le sue origini e il significato

Lenticchie: tra storia e leggende

Le lenticchie che dunque stasera troveremo di certo tra le portate del cenone, sono una tradizione che si perde nella notte dei tempi.
Addirittura alcuni passi della Bibbia ne registrano l’utilizzo, come nel Libro della Genesi, 23:54

“Giacobbe diede a gesù del pane e della minestra di lenticchie.”

Questi piccoli legumi che devono il loro nome alla forma simile a piccole lenti, venivano utilizzate anticamente fin dal 7000 a.c tra le popolazioni del bacino del Mediterraneo anche da Greci e Romani.

Tra queste popolazioni venivano utilizzate soprattutto perché molto proteiche e contenenti anche potassio, vitamine, fibre e fosforo dunque erano considerate un alimento completo e utile nei momenti più difficili.

Nei secoli hanno assunto anche una funzione rituale e simbolica perché vista la forma che ricorda delle monete venivano regalate proprio in occasioni come l’inizio del nuovo anno.

Tra i Romani era diffusa infatti l’usanza di regalarsi a Capodanno una specie di marsupio contenenti lenticchie, di nome “scarsella” che avrebbe portato fortuna e soldi.

Come possiamo prepararle per seguire la tradizione?

Se dunque vogliamo onorare la tradizione, un buon piatto di lenticchie in umido come contorno è l’ideale.
La preparazione è molto semplice e potete utilizzare sia lenticchie secche che quelle precotte con l’accortezza di lasciare in ammollo quelle secche da una notte a qualche ora almeno.

Dopodiché facendo rosolare in pentola un trito di cipolla sedano e carota, aggiungete le lenticchie con un paio di cucchiai di olio ed acqua.

Aggiungete dopo una decina di minuti della passata di pomodoro e lasciate cuocere altri 10 minuti aggiustando di sale eventualmente.

Gustatele in compagnia la notte di Capodanno sperando nel loro potere di portafortuna!
Auguri!!